Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Woyzeck!

369gradi

regia Carmelo Alù

anno 2021

attori Marco Quaglia

scheda artistica
Germania, primo ventennio del 1800. Un soldato semplice e povero per mandare avanti il figlio e la compagna decide di accettare l'esperimento di un dottore che prevede una dieta di soli piselli. Dopo mesi di allucinazioni, dopo il tradimento e con gli ordini ossessivi pronunciati dalle voci che gli parlano dentro la testa, l'uomo decide di uccidere la donna. Non sono ancora passati duecento anni dalla condanna e decapitazione di Johann Christian Woyzeck, avvenuta a Lipsia nel 1824 in seguito all’uccisione della donna con cui stava. Eppure quest’uomo è diventato ormai un nuovo mito del teatro occidentale, al pari di Antigone o di Macbeth. Büchner aveva ventiquattro anni quando scriveva il suo Woyzeck, ha cambiato il nome in Franz ma per il resto i fatti sono ispirati alla realtà. Quell’interesse nel buio ha generato un testo incompiuto che nell’ultimo secolo è stato sempre un caso artistico perché custode di un mito tragico: la società suggerisce il male al singolo per poi condannarlo e ucciderlo. Chi si è macchiato le mani di sangue, il singolo o la società? Chi uccide cosa? L’autore muore e il dramma resta un insieme di frammenti disordinati e spesso incomprensibili. Soldati grotteschi, un tradimento privato che diventa pubblico, la donna ammazzata, un ambiente crudo e un protagonista criminale allucinato da una dieta a base di soli piselli, centro di un esperimento condotto da un dottore in piena mania di onnipotenza. Il tutto imbevuto di grappa e cristianesimo. 
Nonostante i frammenti confusi Woyzeck è una bocca spalancata che urla, una voce sgolata e asciutta. In fondo a quel grido c’è il pudore di chi non riesce a stare al mondo perché il mondo si è rivelato solamente un posto dove poter sudare, un pianeta sfibrato dove l’uomo alla fine è sempre un soldato che deve obbedire, con una luna dipinta al posto del sole e un figlio bastardo che piange perché ha fame. In occidente non esiste colpa senza una pena e non esiste inferno senza un corpo. Proprio da un solo corpo in scena parte la ricerca del regista Carmelo Alù, che con la collaborazione della coreografa Chiara Taviani e grazie al testo inedito di Letizia Russo, arriva a una nuova visione critica dei frammenti di Büchner. La riscrittura del testo per un solo attore, dona a questa storia una prospettiva differente, sostenuta dallo studio sul corpo e sull’utilizzo dello spazio. Marco Quaglia è un Woyzeck abbandonato che ha ucciso e che dalla società è stato ucciso. Chiedersi Perché fa parte di quel buio tragico che questo testo ha ostinatamente conservato. Perché Woyzeck ha ucciso Marie? I versi di questo monologo sono incisi su un morto costretto ancora e per sempre a un corpo: un rivivere che non risolve, un vuoto a perdere. Woyzeck non è più una voce fuori dal coro. È lui stesso un coro ma la voce è sempre la sua. E tutte le volte che lui si rivela noi vediamo un uomo che ascolta, perché l’obbedienza è cieca ma non è mai sorda.

Visualizza la scheda completa su SONAR