Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

OBLIO

Cerbero Teatro

regia Cristel Checca

anno 2021

attori Anna Carla Broegg, Cristel Checca, Francesco Figliomeni

scheda artistica
OBLIO nasce dall’esigenza di portare alla luce il fenomeno dello slut-shaming, letteralmente l’onta della sgualdrina, che nell’era di internet sta mietendo sempre più vittime. Lo slut-shaming è la gogna mediatica riservata alle donne giudicate “colpevoli” di trasgredire i codici di condotta sessuale che la società ha previsto per loro. Un fenomeno che giunge troppo spesso a esiti tragici. OBLIO tratta di una modernità in cui l’individualizzazione consiste nella trasformazione dell’identità umana da qualcosa di dato a un compito da raggiungere. Traguardo impossibile per una donna che non ha più potere sulla propria immagine, che vive di vita propria e si mischia al cascame ormai deformato che ha originato il mondo virtuale, dove il diritto all’Oblio è un privilegio e le leggi che regolano internet sono un labirinto senza via d’uscita. OBLIO è un esperimento di performance interattiva. Tramite l’artificio drammaturgico di un surreale Quiz Show televisivo il pubblico partecipa attivamente alla narrazione, strutturata a bivi, orientandone la direzione e rendendo ogni replica UNICA. Dietro uno schermo chiunque pare sapere cosa sia più giusto per gli altri, non risparmiando giudizi feroci senza temere conseguenze personali. OBLIO sfida il pubblico a fare lo stesso, travalicando la quarta parete dello schermo e abbattendo la distanza fra giudicante e giudicato, trasformando lo spettatore in “regista” del personaggio in scena. I rimandi all’immaginario televisivo e del web, il tema della virtualità e l’interattività di OBLIO trovano naturale approdo nell’ibridazione fra teatro e video. Le videoproiezioni sono parte integrante della narrazione, elementi diegetici all’interno del quiz show o scorci su realtà alternative. La scenografia in stile kitsch usa materiali da imballaggio che rimandano alle dinamiche di una società in cui l’elemento “fallato” è rispedito al mittente, come una bambola rotta non riparata, ma sostituita da una nuova e migliore.

Visualizza la scheda completa su SONAR