Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Aganis

Compagnia Bellanda

regia Giovanni Leonarduzzi

anno 2021

attori Ludovica Ballarin, Sara Bravin, Aurora Conte, Lia Claudia Latini, Tjasa Bucik

scheda artistica
Le “Aganis”, traduzione friulana di “Agane”, sono ninfe acquatiche mitologiche legate agli ambienti acquatici del Friuli. Si narra che fosse possibile scorgere questi spiriti dei corsi d’acqua dalle sembianze femminili al levarsi in cielo della luna. Si riunivano danzando avvolte da vesti bianche che lasciavano poi asciugare al chiaro di luna. Come lo scorrere dell'acqua, in talune circostanze sarebbero dolcissime, in altre estremamente turbolente, a volte fanciulle seducenti, a volte vecchie arpie. Il progetto indaga e parallelamente racconta e valorizza la mitologia e la cultura friulana, utilizzando il linguaggio della danza contemporanea al servizio di una tradizione ricca e ancora poco conosciuta. Obiettivo della compagnia è ricercare la giusta formula per unire il carattere popolare, nel senso di appartenente al popolo, ed il linguaggio contemporaneo avvicinando così un pubblico giovane ad un racconto antico. La ricerca e l’indagine riguardano il corpo, il suo movimento e la danza, ma non solo: con il desiderio di avvolgere lo spettatore su più livelli, il progetto prevede anche un preciso studio per quanto riguarda la luce ed il suono: affida al lighting designer Stefano Mazzanti il compito di rappresentare il buio attraverso la luce (le Aganis vivono la notte) e al sound designer Maurizio Cecatto viene affidato il compito di captare e registrare i suoni che i corpi danzanti creano per trasformarli in ambiente, musica e linguaggio stesso.

Visualizza la scheda completa su SONAR