Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Wake-up!

Marcella Meloni

regia Maurizio Giordo

anno 2021

attori Marcella Meloni

scheda artistica
WAKE-UP! Wake-up! esorta al risveglio, al cambiamento e alla continua sfida dei propri limiti, all'interno di un percorso di crescita che porterà a guardare se stessi da una diversa prospettiva. ROSA Rosa è per eccellenza il colore della femminilità, ma è anche il nome della protagonista che vive all'interno di questa storia, una donna sola alla quale viene richiesto l'impossibile dalla società: essere sempre alla moda, profumata, felice, bella, perfetta e con una casa impeccabile. Questa donna ci trasporterà nel suo mondo magico fatto di oggetti che si animano, borotalco, vestititi, tutù e personaggi frutto della sua immaginazione, che lei farà vivere per sentirsi meno sola. La sua vita quotidiana e le sue proiezioni ci sveleranno la profonda isteria di questo personaggio, ossessionato dalla pulizia e dalla compulsiva ricerca della perfezione. La solitudine e le sue manie la porteranno ad impazzire. Riuscirà Rosa a superare le paure, andare oltre gli stereotipi e finalmente accettarsi nelle sue imperfezioni? LINGUAGGI ARTISTICI L'artista integra le abilità personali (senso del ritmo, manipolazione d'oggetto, dissociazione) e le discipline circensi (verticali, giocoleria con palline e hula-hoop), al clown e al teatro fisico, creando uno stile espressivo autentico e contemporaneo, all'interno di una drammaturgia che affronta i temi della solitudine, degli stereotipi femminili e dell'accettazione di sé. Il lavoro esplora inoltre le possibilità fornite dall'utilizzo del suono e dalla voce. Sarà Rosa stessa che, con vocalizzi e grammelot, darà vita ai personaggi-oggetto frutto della sua follia, all'interno di uno spettacolo che, grazie ad linguaggio unico ed universale e una doppia chiave di lettura, sarà adatto a tutti adulti e bambini e ad un pubblico di tutte le nazionalità, poiché senza testo. Lo spettacolo, a tratti fiabesco, non smette mai di sorprendere il pubblico tra oggetti che si animano, bolle di sapone, acqua, borotalco ed elementi sempre nuovi, con tratti di magie nouvelle, teatro di figura e visual comedy. La forza motrice dello spettacolo è la metamorfosi di tutto quello che si trova in scena e dello stato d'animo del personaggio, in continuo contrasto tra realtà e follia, che arriva a trasformare il banale quotidiano, in esperienza interiore e surreale.

Visualizza la scheda completa su SONAR