Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

r/Place

Enchiridion

regia Matteo Sintucci

anno 2021

attori Matteo Sintucci

scheda artistica
r/Place è il primo esperimento teatrale di indagine proposto da Enchiridion sul mondo di internet. Una conferenza-spettacolo che racconta di un particolare evento accaduto nel 2017 all’interno del sito Reddit. Cos’è? Il primo aprile del 2017, su Reddit, si da il via ad un esperimento sociale che accoglierà la partecipazione di più di 1.200.000 persone da tutto il mondo; l’esperimento consiste nel fornire agli utenti l’accesso ad una enorme tela bianca, composta da 1.000.000 di pixel, e ad una tavolozza di 16 colori. Gli utenti avrebbero potuto piazzare un singolo pixel colorato sulla tela, ma avrebbero dovuto aspettare un certo lasso di tempo prima di poterne piazzare un altro. Da lì a poco gli utenti cominciano a comunicare tra di loro, ad organizzarsi, a creare gruppi, a stabilire una rete di comunicazione tra altri gruppi e, quella che prima era una tela, comincia a diventare una terra, divisa in regioni, veri e propri stati. Osservare lo svolgersi della tela significa ammirare a bocca aperta il sorgere di una civiltà, anzi, di più civiltà, che tra di loro comunicano, ingaggiano in vere e proprie guerre, stabiliscono al loro interno strutture burocratiche (dipartimenti di logistica, risorse umane) e costituiscono figure archetipiche (come Generali, Ambasciatori, Spie). La Ricerca. Per costruire il nostro show è stato necessario un lungo periodo di ricerca; infatti la mole di dati, esperienze, storie sul fenomeno di r/Place reperibili online sono così tante che è facile venire sopraffatti. Vari studi e articoli sono stati scritti, partendo dal sensibile contributo antropologico che un esperimento come r/Place poteva fornire alla materia: nonostante questa sia fenomeno digitale, infatti, è pur sempre dell’umanità che stiamo parlando, ed è curioso scoprire come una volta data all’umanità una “terra vuota” le cose comincino a svolgersi e a dipanarsi. Ma, come per le grandi guerre mondiali, un conto è studiarsele sui libri di storia, un conto è farsele raccontare da chi, in quelle guerre, ha combattuto. Arturo. Abbiamo conosciuto Arturo Gutierrez durante la fase di ricerca del nostro lavoro.  Ci siamo imbattuti in un articolo in tre parti scritto da un ragazzo messicano che aveva preso parte all’esperimento dall’inizio alla fine.  Lo abbiamo rintracciato e video-intervistato perché ci raccontasse l’esperienza dalla sua prospettiva. E siamo lieti che faccia parte, in maniera seppure virtuale, del nostro spettacolo. Infatti durante lo show abbiamo inserito a intermittenza spezzoni della lunga chiacchierata in modo che il pubblico possa stabilire con la nostra storia lo stesso contatto emotivo che lega Arturo alla tela, e alle mille vicende che al suo interno sono accadute.

Visualizza la scheda completa su SONAR