Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

MAPERÒ

Operazione MĪRO

regia operazione MĪRO

anno 2020

attori Luca Catarinella Martina Michelini Bruno Orlando

scheda artistica
- Sinossi Tre amici si ritrovano per passare un altro noioso pomeriggio in un normalissimo monolocale. Una cinica ragazza tutta ciabatte e tuta, un insicuro e sottomesso neolaureato, un giovane attore con l’umiltà stesa fuori ad asciugare. Malizioso e voglioso di deliziare i compagni con le sue capacità interpretative, il giovane attore intraprende una lettura a tema Giorno della Memoria, aspettandosi applausi e congratulazioni. Sarà invece l’incipit di dinamiche che via via toccheranno argomenti quanto mai contemporanei, fin troppo delicati ma trattati con estrema leggerezza e destinati a passare in secondo piano, nascosti dalla nebbia dell’ipocrisia. Tra i tanti, il maschilismo, le malattie, il razzismo. Temi spinosi affrontati senza rispetto dai personaggi, liberi dal finto buonismo della società perché in un contesto intimo, privato e confidenziale. Gli interpreti-personaggi (forse non è davvero possibile operare un taglio netto tra le due figure) diventano schiavi dell’opera che si ritrovano a vivere e che, in qualche modo, devono portare a termine. L’ipocrisia si insinua nell’uomo, nelle stanze che abita, nelle azioni che lo muovono e nei pensieri che elabora (o crede di elaborare), ed è presto chiaro come questa sarà il fil rouge compagna di viaggio e ombra perenne dei nostri protagonisti, durante l’intero atto unico. Concetto che risulta applicabile in egual misura anche nel mondo reale. L’inganno di un doppio finale lanciato allo spettatore, volto a evidenziare l’ipocrisia di circostanza dei “saluti e ringraziamenti”, darà il via a un ultimo quadro folle, assurdo per definizione e che culminerà nella vera fine delle vicissitudini.

Visualizza la scheda completa su SONAR