Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

E' la natura delle cose che è così

Teatro Linguaggicreativi

regia Paolo Trotti

anno 2021

attori Sara Di Matteo

scheda artistica
"Morte: adesso basta! Troppo facile così, tutti a dar la colpa alla morte. Non sono io, è il cambiamento! L’unica cosa inevitabile è il cambiamento. E tu, tu non sei pronto mio caro, allora sai che c’è? Ti lascio qui, ad aspettare, anzi no, a vivere." Con “E' la natura delle cose che è così” Sara Di Matteo esplora il disorientamento rispetto alle cose che cambiano, quelle che passano mentre il tempo scorre; la paura/attrazione di morire ma anche quella di vivere: la nostra fatica di fronte all’inevitabile cambiamento. Lo fa in modo divertente, a tratti tenero, svelando i lati più laidi e quelli più disarmati dell’uomo, attraverso un personaggio che è carnefice-vittima di sé stesso. Con una rabbia che è comicamente tragica, ne racconta tutto l’umano spavento. “E' quasi Natale. Io lo aspetto che Natale inesorabile passa di qua, magari fosse così anche per il mio momento. Io comunque lo aspetto. Sto qui pronto, fermo, immobile. Se passa Natale per forza deve passare di qua anche il mio momento” In scena una sedia e un uomo con una scatola che aspetta. Un luogo di attesa, dove la circolarità del testo e del tempo, scanditi dall’avvicendarsi di ricorrenze e stagioni, segna il passaggio di una vita. Della vita. E aspettando inizia a parlare con il pubblico, interagisce, dialoga con il pubblico chiamato ad essere presente in un gioco paradossale di rispecchiamento. in quella che, citando Kaufman, è una sorta di no stand up comedy sulla fatica di orientarsi nella vita a volte spiazzante, a tratti terrificante. Un monologo a pubblico attraverso un coinvolgimento attivo perché il personaggio in scena ha la necessità di dire a qualcuno quello che dice. Fosse pure uno sproloquio. Ha bisogno di condividere uno sgomento, ha bisogno, disperatamente, di dire che esiste, per esistere davvero. Ha bisogno di dire il suo amore per la vita nonostante la sua crudeltà.

Visualizza la scheda completa su SONAR