Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Bakxai

Fridamodanza

regia Monica Donati

anno 2021

attori Eleonora Addati, Silvia Addati, Eleonora Bernardi, Eleonora Boccadoro, Chiara Lombardo, Michela Maccarini, Marzia Meddi, Deborah Rapagnani, Valentina Rinaldi, Letizia Virgili

scheda artistica
Tebe. Dioniso, figlio di Zeus e Semele, torna nella terra della madre, ormai morta, per punire Penteo, nuovo sovrano della città che si rifiuta di riconoscerlo come Dio ed onorarlo. Le donne di Tebe, tra cui Agave, madre di Penteo e sorella di Semele, iniziate al culto del Dio, insieme alle Baccanti, seguaci di Dioniso, renderanno giustizia. Penteo, caduto nella trappola di Dioniso, andrà, travestito da donna, dalle Baccanti, sul monte Citerone, e qui nel delirio bacchico, scambiato per un leone, sarà sgozzato dalle mani di sua madre e smembrato dalle altre donne. Con lui morirà l’ordine costituito. “E’ finito il tempo di stare acquattate per la paura” gridano le Baccanti incalzate da Dioniso. Abbandonati i telai, lontane dalle spole, lasciati pettini e prole le donne aprono così la via al nuovo cercando di dare voce alla libertà di essere ciò che si è. In scena la potenza del femminile capace di ripensarsi arrivando ad “uccidere ogni residuo di materno sentire” per poter festeggiare le tante e diverse possibilità di essere. Il cambiamento che con forza, gentilezza e coraggio può modificare l’ordine delle cose deve avvenire all’interno di ogni donna ed è per questo che Dioniso viene interpretato da una donna, è una di loro. Gli occhi che possono imparare prima e insegnare poi a vedere diversamente il femminile sono proprio quelli delle donne, chiamate a lasciare l’Eden per una nuvola color libertà. In un tempo senza tempo, tutto è già successo e tutto deve ancora accadere e ancora si ripeterà in un ciclo senza fine. Penteo smembrato dalle mani delle Baccanti è l’inizio del racconto e piano piano, corpo dopo corpo, la tragedia procede destinata a non risolversi ma a durare ancora e ancora. “ Venite, venite ancora Baccanti“ invoca alla fine Dioniso consapevole che la vittoria ottenuta è poca cosa di fronte agli innumerevoli soprusi, alle discordie che nuovamente nasceranno macchiando di sangue le mani degli uomini e ancora solo le mani di una donna, quelle della madre, potranno tagliare la testa del leone. Il femminile, rivelatosi in Dioniso, sarà di nuovo invocato per mutare l’ordine delle cose….Evoè Evoè.

Visualizza la scheda completa su SONAR