Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Icaro e Dedalo_ovvero non sono un angelo

Compagnia Arearea/Marta Bevilacqua

regia Marta Bevilacqua

anno 2020

attori Andrea Rizzo, Daniele Palmeri, Alessandro Maione

scheda artistica
Il mito di Icaro e Dedalo è un’impresa coraggiosa, è una fuga verso la libertà, è un affondo sulla relazione padre e figlio, è un esempio classico della differenza tra temerarietà e coraggio. Calcolare i rischi, sostenere il limite, trovare la giusta distanza - eumetria - è ciò che preserva la vita. Con un primo movimento verticale, improvviso e rapido, Icaro e Dedalo abbandonano ciò che è loro familiare per intraprendere un viaggio tra le stelle. Sulla scena vivono come esploratori bambini e sono attratti continuamente da tutto ciò che non conoscono. "Mi interessa parlare di questa differenza, di questo tempo d’analisi. Lo farò ancora una volta con la danza e tre personaggi potenti: Icaro, Dedalo e Minosse, Re di Creta. Lo spettacolo declina le grandi azioni del mito e le rende scrittura motoria: orientarsi, scappare, costruire, inventare, volare, cadere. Il lavoro si snoda attorno ad una metafora: uscire dal labirinto che noi stessi abbiamo costruito. A metà tra un cantiere edilizio e il cielo, tra il concreto e l’aereo, il mio Icaro non è un angelo ma un ragazzo che ama il gioco inteso in senso ampio, come pratica legata all'infanzia, ma anche come percorso che apre a uno sguardo critico sulla realtà. Il mio eroe fanciullo vivrà sulla scena una trasformazione che lo condurrà ad una morte simbolica e gli permetterà l'accesso a una nuova dimensione. Il volo è il punto di partenza e il mezzo attraverso il quale Icaro realizza la sua volontà di trasgressione." Marta Bevilacqua

Visualizza la scheda completa su SONAR