Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

LA MITE, dall’omonimo racconto di Fëdor Michajlovič Dostoevskij

Teatro delle Bambole

regia Andrea Cramarossa

anno 2021

attori Canto della scena: Federico Gobbi

scheda artistica
La protagonista della storia, la mite del titolo, si trova a raccontarsi per bocca d’un marito che non di dà pace, mentre resta proprio lì, accanto al corpo della morta suicidatasi da appena cinque minuti e quel “filo rosso di sangue” che, ormai raggrumato, le segna la bocca, unica traccia di una smorfia di libertà in una foresta di claustrofobiche incomprensioni. E, man mano che la fabula si svolge, ecco che la donna prende il posto dell’uomo che si arrovella il cervello per questa infame violenza di sguardi ficcanti e pungenti, compassionevoli e verecondi, sulla scoperta inaudita del corpo dell’amata scagliato su appuntiti e casuali cinque minuti di ritardo. Solo cinque minuti e l’avrebbe salvata. L’avrebbe salvata? L’ennesimo interrogativo si unisce alla già congrua geldra di domande senza risposte, una ad una in schianto contro lo sguardo di “severa meraviglia” che ha dissolto il loro amore di marito e di moglie, sposi per “caso” e per “istanti”, adoranti del corpo dell’altro in tempi asincroni, assieme all’insostenibile spazio lasciato inabitato dalla moltitudine di parole stracciate e appese nell’atrio d’una taciuta vergogna: l’inutile tormento d’un arrogante silenzio.

Visualizza la scheda completa su SONAR