Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Umani si Diventa

Tecnologia Filosofica

regia Marco Amistadi

anno 2020

attori Marco Amistadi

scheda artistica
Umani si Diventa è uno spettacolo per ragazzi, prodotto da Tecnologia Filosofica, Unione Musicale e Rivoli Musica in occasione del Darwin Day 2020, con un forte intento didattico. In questo lavoro la drammaturgia è supportata da un approccio teatrale spiccatamente comico e da un preciso e peculiare progetto musicale. Alla base dell'idea narrativa risiede infatti un parallelismo tra la tecnica compositiva del tema con variazioni e la teoria dell'evoluzione di Charles Darwin. Lo spettacolo, costruito attorno al testo del drammaturgo Paolo Cascio, racconta le vicende del reazionario mozzo del Beagle, il vascello sul quale Darwin ha compiuto i suoi viaggi attorno al mondo e che l'hanno portato a elaborare la famosa teoria dell'evoluzione. In assenza del grande scienziato, sceso per ricerche su un'isola delle Galapagos, il mozzo riceve la visita di diversi animali (un dinosauro, una gallina, un pipistrello, un polpo, una tartaruga, una scimmia e la misteriosa specie del futuro) ognuno venuto per reclamare un posto nelle ricerca di Darwin. Dal punto di vista visivo gli animali sono raffigurati utilizzando una particolare tecnica: un mini-proiettore manipolato dal vivo permette di trasformare immagini statiche in animazioni che vengono proiettate su scenografie e superfici. Ogni animale, argomentando le proprie posizioni, illustra ai bambini una faccia della teoria dell'evoluzione portando in dono, a dimostrazione delle dichiarazioni fatte, un pezzettino di DNA della specie di appartenenza. Il regalo così ricevuto viene declinato dal mozzo, che non sa bene come utilizzarlo, attraverso una lettura musicale: se il DNA del primo essere vivente rappresenta il tema, tutti gli altri ne sono variazioni. Si crea così un susseguirsi di composizioni basate sulla medesima origine melodica che vengono eseguite (all'oboe o al pianoforte) durante tutto lo svolgersi dello spettacolo. Attraverso una narrazione divertente e leggera viene illustrata non solo la storia evolutiva delle specie in visita sul Beagle ma anche i lati universali della teoria di Darwin, compresi gli aspetti più rivoluzionari che resero la pubblicazione de L'origine delle Specie un evento sociale, religioso e politico, oltre che scientifico.

Visualizza la scheda completa su SONAR