Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Hotello con l'H

Teatro22

regia Salvatore Nocera

anno 2020

attori Salvatore Nocera

scheda artistica
Il monologo. L’idea di ridurre a monologo il testo capolavoro di Shakespeare mi assilla da circa un decennio. Non uno spettacolo di narrazione. Hotello, quello con l’H, è unico personaggio. Artefice e carnefice. Vittima di se stesso. Contemporaneamente Iago e Otello. Affabulatore scaltro. Macchinatore bugiardo. Tesse una ragnatela, talmente sofisticata e perfetta. Da non poterne più sfuggire. Intrappolato e sconfitto. L’amore. La paura. La rabbia. E la fragilità. Hotello grida e piange. E riempie di parole. Il vuoto assordante. Un silenzio insopportabile. Hotello è un uomo. È un soldato. È un campo di battaglia. Hotello è un sogno. La verità e l’inganno. Hotello è pazzo. Tante e troppe le fonti che mi hanno ispirato. I percorsi e i livelli di analisi di un testo così grande. Lineare e tortuoso. E il tentativo, folle. Eliminando tutte le esemplificazioni, i giochi di ruolo, appigli. Per restituire un quadro sublime. Nella sua profonda complessità. E sincera contraddittorietà. Un ritmo frenetico. Una musica. Un urlo. Un ultimo bacio. Un amplesso. E una pugnalata al cuore. Un pugno allo stomaco. E rimane sospeso. Hotello. A mezz’aria. Che non sa più vivere. E nemmeno morire. La tragedia della parola. Un classico. Un capolavoro infinito. Nell’Otello di Shakespeare protagonista assoluta è la parola. Nulla accade, se non attraverso la parola. Tutto l’agire si compie attraverso di essa. A prescindere dai diversi temi trattati. L’amore e la gelosia. Il femminicidio. Il potere. L’inganno. E la follia. Questo testo meraviglioso offre l’immagine di un uomo. Moderno eroe tragico. Che cade perché incapace di leggere il mondo. Non solo strumento. Non più rappresentazione, semplice o complessa. La parola è essa stessa realtà. Vera o presunta. Corrotta. Ingannata e distorta. Rendendo la conoscenza impossibile. E portando alla catastrofe. Non credo che oggi, dopo quattrocento anni, possa essere scritto niente di più attuale. In un mondo in cui la rappresentazione della realtà. L’apparenza è diventata più importante della realtà stessa.

Visualizza la scheda completa su SONAR