Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

MAICOL GATTO Musica per gli Occhi

Matteo Galbusera

regia Matteo Galbusera

anno 2019

attori Matteo Galbusera

scheda artistica
MAICOL GATTO è uno spettacolo comico contemporaneo multidisciplinare che intreccia vari linguaggi artistici: musica, circo contemporaneo, clownerie, mimo e teatro fisico. Lo stile comico è basato sulla fisicità, sulle gags e sulla ricerca che lega musica e movimento. Non ci sono testi. La particolarità dello spettacolo è la ricerca e l’utilizzo del SUONO, non solo come elemento musicale, ma anche e soprattutto come elemento drammaturgico. In MAICOL GATTO è il mondo sonoro a creare l’ umorismo. Figura eccentrica ed enigmatica, clown “elettronico” allo stesso tempo strumentista musicale e direttore d’orchestra, Maicol Gatto, ha affermato di non essere originario di un solo luogo sulla terra ma in più luoghi e in epoche differenti e di appartenere alla “stirpe dei mega hertz”. E’ in missione per conto di “Voci Supreme” per salvare il mondo dal caos, attraverso la musica. Nel suo mondo fatto di sintetizzatori, giocattoli e tastiere elettroniche di varie dimensioni, Maicol Gatto si muove in preda a cortocircuiti e scariche elettriche. Lo spettacolo è un concerto alienante e alieno che unisce musica e clownerie contemporanea con uno stile unico e surreale. Il filo conduttore dell’idea artistica è il rapporto tra uomo e macchina,tra realtà e fantascienza. Può la scienza robotica, l’intelligenza artificiale sostituire l’istinto,l’umano,l’intuizione creativa? Questo è il dilemma dell’era moderna che ha appassionato centinaia di artisti e scienziati: quando le macchine proveranno emozioni cosa ne sarà dell’uomo? In questo intreccio trans-umano, quali prospettive future ci attendono in campo etico/sociale? Uno spettacolo-concerto che vuole quindi rendere omaggio all’immaginario fantascientifico,ma anche alla musica elettronica pionieristica del dopoguerra, al teatro dell’assurdo e che vuole celebrare il rapporto tra uomo e macchina che non conosce limiti di spazio-tempo e rappresenta un incredibile viaggio verso l’ignoto.

Visualizza la scheda completa su SONAR