Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

La zona bianca

Monica Luccisano

regia Monica Luccisano

anno 2017

attori Alessandro Federico, Olivia Manescalchi, Sax Nicosia, Maria Grazia Solano

scheda artistica
L’Alzheimer è considerata una delle emergenze del futuro: nel mondo sono 47 milioni le persone colpite, ogni tre minuti una persona si ammala di Alzheimer. “Siamo in un luogo non definito, forse è una casa di cura per anziani, forse è uno spazio della mente, un luogo preciso del cervello umano: la sede dei ricordi. Nell’arco di una giornata scandita nei suoi diversi momenti – il mattino, l’ora del pranzo, l’ora del riposo, l’ora della ginnastica, l’ora della televisione, l’ora delle visite, l’ora di cena, e la notte – due donne e due uomini scambiano parole su ciò che resta della propria memoria, della propria esistenza, in una continua alternanza di leggerezza e dolore, tra le fragilità fisiche e spirituali dell’ultimo atto della vita.” Questo si legge nelle note di sala, ma ciò che si vede sul palcoscenico conduce oltre: sono quattro attori nel fiore degli anni, vestiti in abiti eleganti, immersi nella apparente inattaccabilità della prestanza fisica e della bellezza, diventano veicolo del dramma dei ricordi che svaniscono, dell’inciampo delle parole, del frangersi del senso di ciò che si tenta di raccontare, come di ciò che si rappresenta, e di un’intera esistenza destinata ad essere cancellata. Con apprensione, e con tenerezza, emerge il resiliente (residuo) attaccamento alle cose e agli affetti, seppure nell’evanescenza dei ricordi: sono come "bolle di sapone" che galleggiano davanti agli occhi. Quattro menti, all'interno delle quali vagano inquieti i ricordi, si aggirano in una scena costellata di cubi luminosi, dalla geometria variabile, dalla suggestiva luce bianca come bianca è la zona del cervello colpita dall’Alzheimer, o la pagina della memoria dove non compare più alcun segno. Più che alla fenomenologia della malattia, lo spettacolo guarda a quella zona bianca, che via via, tra lo smarrimento dei tasselli del passato, diventa l'unico inesorabile presente.

Visualizza la scheda completa su SONAR