Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

E' stato così

Vanessa Dezi

regia Vanessa Dezi

anno 2018

attori Vanessa Dezi

scheda artistica
Il monologo di una donna, una confessione dal ritmo forsennato che, però, sembra racchiusa in un tempo eterno, anzi un fluire di parole dal profondo, di chi è abituato da sempre a guardare fisso fisso nel pozzo buio che ha dentro di sé. Un assolo d’attrice. “E’ stato così” fu pubblicato nel 1947 e Natalia Ginzburg ha rivelato che quando scrisse questo racconto lungo aveva la mente confusa e annaspava nel buio, e difatti ciò che è ancora vivo nel racconto – aggiunge- è proprio, in quella donna, il buio, il confondere e l’annaspare. Una donna, di cui non si conosce il nome, ma di cui è disvelata l’anima, la fragilità infinita, a volte commovente e a volte addirittura indisponente. Il racconto ha una sua tensione emotiva molto particolare, sembra un concerto, tutto dissonante, per fisarmonica, di cui si segue l’estendersi e il restringersi; i momenti di respiro e di apnea si susseguono rapidamente. Si ascolta il battito cardiaco irregolare di una donna, che in realtà cerca soltanto un modo di vivere giusto e naturale e non triste, una donna semplice, sola, ingannata, tradita, un po’ naïve, che cerca disperatamente di accendere i colori sbiaditi della sua esistenza, ed incenerisce il tutto con un colpo di pistola, che, avverte la Ginzburg, avrebbe anche potuto non esserci, ed essere solo immaginato, senza intaccare la storia, che scorre a malgrado e al difuori di esso. Ma il colpo di pistola si sente, sia all’inizio che alla fine! Scorre la storia, raccontata da una scrittura asciutta, concreta, non pietistica, nuda e cruda (vanessa dezi).

Visualizza la scheda completa su SONAR