Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

A SENZA NOME

Michela Diviccaro

regia Daniele Nuccetelli

anno 2019

attori Michela Diviccaro

scheda artistica
“In giudizio non si crede se non a chi ha giurato.” Così i romani sintetizzavano l’essenza sacrale che la formula del giuramento assumeva nelle azioni processuali. Ma in che modo si combatte una legge ingiusta? Chi si nasconde veramente dietro i volti di coloro che hanno fatto della democrazia una deviazione politica personale e illegittima? E con quali mezzi sono riusciti a trasformare una società civile in un teatro dell’orrore? "A senza nome" prende spunto dall’Antigone di Sofocle per rispondere a queste domande, dando vita a un racconto epico-moderno tratto da un’avvenimento realmente accaduto. Una donna decide di mettere in scena la sua storia attraverso un vero e proprio circo di personaggi stravaganti, grotteschi, surreali; un mondo di facce e di esistenze - interpretate da lei stessa - che l’aiuteranno ad esumare il proprio nome dimenticato prima ancora di quello del fratello morto e l’accompagneranno fino a un’istante prima del numero finale dello show, in quell’attimo in cui il respiro del pubblico si ferma mentre l’acrobata dà inizio alla sua danza nel vuoto, lassù in alto, per aiutarci a sconfiggere le nostre stesse paure. "A senza nome" è una parabola in cui i personaggi della vicenda scritta da Sofocle si fondono con altri della nostra contemporaneità; una storia tanto simile a quella dell’eroina greca quanto reale, costruita grazie a un fitto gioco di ruoli creato dalla stessa protagonista per riuscire a entrare nella trama della propria vita e contendere al suo avversario - che gli altri chiamano il Capo - quel segreto che tutti devono conoscere. “Quindi io, consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione, m’impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla di quanto è a mia conoscenza.” In iudicio non creditur nisi iuratis. Tratto da una storia vera.

Visualizza la scheda completa su SONAR