Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

CASCANDO!

DoveComeQuando

regia Pietro Dattola

anno 2022

attori Flavia Germana de Lipsis

scheda artistica
NOTA: versione rivista e finale dello spettacolo, presentato in anteprima nel 2020, rivisitato durante la pandemia. Il debutto della versione definitiva è avvenuto nel settembre 2022. Il video si riferisce alla versione 2022, le foto all'anteprima 2020 (manca il cuore appeso). Atto unico ironico-esistenziale. Tutto-in-una-notte. Tema: La fine. Svolgimento: In caduta! Più o meno libera. "Bisogna mettere un punto. Bisogna che le cose finiscano. Si chiama coraggio." Le cose finiscono. Anche noi. Eppure nessuno sembra accorgersene. Pochissimi ne parlano. "Tanto tocca a tutti, che ci possiamo fare?", e poi basta, punto, fine, la chiudono lì, non ne parlano più, come se non li riguardasse. Forse si tengono a distanza di sicurezza: se si guarda troppo a lungo l'abisso, l'abisso ti guarda dentro. Anna, per esempio, ci casca spesso, nell'abisso. Ci casca tanto. Di più. Sempre. Soprattutto la notte. E sono cadute affollate, stupefacenti, imprevedibili, movimentate, scomposte, grottesche: un caleidoscopio di ragionamenti, situazioni, sogni capovolti, un vociare che devia, procrastina, contrasta, asseconda, scherza, un cuore pensante ed un pensiero accorato: se non è possibile evitare la caduta, bisogna almeno provare a restare in equilibrio durante. Se la fine sfinisce, bisogna disinnescare la paura della fine! La fine è una stella caduta, un respiro mozzato, una nota che ha smesso di vibrare, un grissino e hai ancora fame. La fine è un fatto, è un rimpianto, un rimorso, un rimosso. La fine è di tutto, è di tutti, è sempre, è comunque. E allora cosa c'è di speciale, nella fine? Niente. Davvero. Niente. Soltanto noi.

Visualizza la scheda completa su SONAR