Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

ANAMNESIS

Francesca Saraullo

regia Francesca Saraullo

anno 2020

attori Francesca Saraullo

scheda artistica
ANAMNESIS è una pièce coreografica tra danza e performance sonora dove l'impronta del passato si trasforma nel presente, dando forma a paesaggi che danzano tra realtà e immaginario. Il pubblico è immerso in un viaggio trans-identitario dove l'animale incontra l'umano, dove la femminilità incontra la mascolinità, dove l'energia cosmica incontra il presente. La sfera pelvica sarà il luogo di origine, il filo, il centro di gravità. Attraverso il respiro vitale, come un'onda, il silenzio rivelerà il movimento, il movimento diventerà danza, gemendo, cantando, suonando; rivelando la voce del sacro, dell'animale, dell'umano, della donna. CONCEPT ANAMNESIS nasce nell'ambito del progetto di ricerca coreografica "Archeologia del gesto" dove l’indagine è quella del corpo come archivio di memorie, personali e arcaiche, fatte di ricordi, sensazioni, immagini ed emozioni. E, per memoria arcaica, s'intende la funzione mentale ed incarnata che fa emergere tracce di materia (non) umana prima ancora del linguaggio verbale. Interessata alla ricerca di un gesto primario in un sottile ascolto del corpo in movimento, l'artista vuole ricontattare una traccia o più tracce archetipiche nel corpo come atto politico di riconoscimento di una memoria individuale e collettiva condivisa. In questo momento storico di grandi cambiamenti paradigmatici nella società, nella cultura e nell'ambiente, di rapidi progressi tecnologici e di distacco dal nostro corpo, è necessario riflettere e mettere in discussione la memoria. È una condizione sine qua non per connetterci con le nostre radici ed avere uno sguardo nuovo sul futuro. L'intenzione, seguendo il pensiero del filosofo italiano Giorgio Agamben, è infatti quella di ricontattare l'essenza primitiva del corpo e l'animalità dell'essere umano come urgenza per l'evoluzione dell'uomo in interconnessione con tutti gli altri esseri animati e non animati, con l'ambiente e con l'universo. In particolare, l'intenzione è dare forma a questa memoria ancestrale umana e non umana depositata nel luogo più sacro e intimo della donna, la sfera pelvica, esplorando le possibilità di movimento e di immaginari che possono emergere da un'area del corpo femminile, energeticamente legata alla terra. Il tentativo sarà quindi quello di riattivare il potenziale creativo, spirituale e profano dell'essenza femminile, nella sua forma più selvaggia e animale, spesso inespressa o non riconosciuta. DESCRIZIONE Attraverso un approccio somatico del corpo e della voce, una dinamica interattiva tra corpo e suono, una pratica coreografica basata sull'improvvisazione e sulla composizione istantanea, verrà sviluppato organicamente un CORPUS di gesti, suoni, azioni vocali e relazioni con lo spazio abitato. Accompagnata live da Cabiria Chomel, Francesca presenterà un'esperienza sensibile della danza e del suono dove il movimento, l'azione sonora e vocale emergono nella loro dimensione pura, infantile e selvaggia, rimossa dalle convenzioni della cultura ed il tempo.

Visualizza la scheda completa su SONAR