Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

LA FRITTATA

Diapason

regia Gianpaolo Pasqualino

anno 2020

attori Tano Mongelli Gianpaolo Pasqualino

scheda artistica
Dopo anni da impiegato impeccabile, il signor Belluca è impazzito e ha sfasciato il suo ufficio al grido di “Cristo è sceso della croce”. Il suo Vicino di casa va a trovarlo in ospedale per cercare di scoprire cosa gli sia successo. La risposta a questa domanda cambierà in maniera irreversibile le vite di entrambi. La “Frittata”, figlio illegittimo della novella “Il Treno ha fischiato” è una grande indagine sul valore del sacrificio e della pietà. Rispetto all’originale pirandelliano, il testo effettua alcune modifiche sostanziali alla trama. Tuttavia, il nettare della novella è ugualmente contenuto nella riscrittura: la spaccatura tra ciò che voglio e come mi vorrebbero, i “doveri” sociali contrapposti ai bisogni naturali e l’inevitabile pazzia che deriva da questo conflitto. Pirandello fa capolino di tanto in tanto sulla drammaturgia senza invaderla, ma tentando di innalzarla. Il testo di Gianpaolo Pasqualino, già premio UBU 2016 come migliore attore under35 e semifinalista 2019 al Biennale College Teatro, è un thriller psicologico prodotto dalla compagnia DIAPASON che si ispira, oltre che a Pirandello, alla scrittura densa di pausa e piena di “non detto” di Pinter. Una croce, un letto, due uomini. Colpevoli dello stesso peccato: aver rubato la vita dell'altro.

Visualizza la scheda completa su SONAR