Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

BANG BANG!

The Clown Angels

regia Giuseppe Ricciardi

anno 2021

attori Silvia Borello, Giorgia Dell'Uomo, Giulia Rabozzi

scheda artistica
"Un caso misterioso. Tre detective sulla scena del crimine. Piccolo inconveniente: sono tre clown e nulla va come dovrebbe andare. Le missioni diventano sfide per conquistare il detective capo, stravaganti gare con le pistole e motivi per stuzzicarsi. Tutto ciò le porta sempre a perdere di vista l'obiettivo. Una cosa è certa: qualunque sia il misfatto, ci si ritrova a ridere di e con loro." Nello spettacolo il clown è il "trait d'union" di varie discipline: teatro fisico, visual comedy, mimo, danza, acrobatica e canto. Pochi elementi scenografici lasciano emergere i corpi, le idee e le emozioni, attraverso un lavoro profondo di ricerca fisica. BANG BANG! è il pretesto per far vivere le tre clown e portare alla luce fragilità e punti di forza di ognuna. I due "augusti" fanno di tutto per essere accettati e visti dal capo, quindi mettono in campo tutte le abilità, a volte vincendo e a volte fallendo, facendo sì che il pubblico arrivi a gioire delle vittorie dell'uno, ma anche a provare empatia per i fallimenti dell'altro. Altro non è che la più antica dinamica clownesca del trio clown rivisitato in chiave moderna: c'è il bianco e i due augusti. Raramente nella tradizione ricordiamo delle donne vestire il ruolo di clown, ancor meno in un trio, come se la donna non potesse apparire goffa, maldestra (clown augusto) o ricoprire un ruolo di comando (clown bianco). In BANG BANG! si indaga il gioco in ogni sua possibilità di sviluppo, mostrando qualità, difetti e dinamiche comuni a tutti gli esseri umani: il clown viene così messo in luce come essere universale. Il pubblico può immedesimarsi in ognuno dei personaggi, come se in scena ci fosse un solo clown che mostra tutti i lati del carattere di ogni essere umano, in uno spettacolo leggero e semplice, facilmente fruibile da un pubblico di tutte le età.

Visualizza la scheda completa su SONAR