Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

A Braccia Aperte

Compagnia Caterpillar

regia Daniele Vagnozzi

anno 2019

attori Denise Brambillasca, Eugenio Fea, Daniele Vagnozzi

scheda artistica
Pietro, Stefano ed Angela, una spiaggia ed il sogno di un'amicizia eterna. Otto anni fa, su quella spiaggia, qualcosa ha rotto quel sogno e ha cambiato le loro vite per sempre. Da allora si ritrovano, ogni anno, per fare i conti con le reciproche colpe e chiudere col passato. Quest'anno, però, è l'ultima possibilità. A braccia aperte nasce sulla soglia dell’età adulta dove per passare bisogna lasciare indietro qualcosa, nasce dalla voglia di spalancare le braccia e accogliere tutti gli amici che abbiamo perduto, tutti gli amori che abbiamo lasciato andare. Nasce dalla voglia di diventare grandi.
E diventando grandi ci si trova di fronte ad una domanda: È più facile perdonare se stessi o gli altri? È quello che cercheranno di capire Angela, Pietro e Stefano, amici d’infanzia, ora giovani adulti sulla loro spiaggia di sempre dove anche quest’anno proveranno a dirsi la verità sulla sera che otto anni fa li ha divisi per sempre. Quanta verità possiamo permetterci di dire alle persone che se ne sono andate, agli amici che prima erano tutta la nostra vita e ora non lo sono più? Quanto si può ridere, quanto ci si può ancora prendere in giro, quanto ci si può ubriacare e cantare insieme a squarciagola pur di seppellire il passato, pur di cancellarlo, pur di continuare a vivere? E qui torniamo alla domanda: è più facile perdonare se stessi o gli altri? Di certo crescere significa partire da una delle due. Riusciranno Angela Pietro e Stefano a perdonarsi prima di rimanere per sempre nel passato? Tra canzoni alla chitarra, giochi adolescenziali e qualche birra di troppo i due si contenderanno per l’ultima volta l’amore di lei fino a scoprire un’incredibile verità che li porterà a dover compiere un grande salto oltre il dolore. Ma tutti i grandi salti, proprio come i tuffi nel mare, si fanno solo in un modo: senza pensare, ad occhi chiusi, a braccia aperte.
È qui che vorremmo arrivare, a buttarci tutti insieme nel breve tempo di uno spettacolo per provare a capire: Come si lascia andare ciò che non vogliamo lasciar andare?

Visualizza la scheda completa su SONAR