Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

LACRIME

DUENDE TeatroDanza

regia Enza Curto

anno 2017

attori Enza Curto, Fiorenza Giordano, Sara Sanghez

scheda artistica
LACRIME, della durata di 50 minuti circa, è un “racconto” sul vissuto di donne: bambine, adolescenti, spose, vittime; dove la crescita, lo stupore, la gioia, l’illusione lasciano il posto alla violenza ed al dolore, racconta anche dell’omertà di alcune donne nell’occultare la violenza subita tra le mura domestiche pur di "dimostrare" una falsa serenità che non turbi la quotidianità familiare; ma è sopratutto un inno alla forza del “rinascere” per iniziare, ancora con più vigore, un nuovo e migliore cammino. LACRIME, ideato da Enza Curto, “nasce” nella primavera del 2007 come performance di teatrodanza interattiva con una installazione all'interno di una mostra collettiva d'arte contemporanea organizzata, nel Castello Carlo V, dal Comune di Lecce sul tema della violenza sulle donne. Nell'estate dello stesso anno viene presentata, con una nuova versione, nel castello di Mesagne, per una mostra di pittura dedicata all'età della donna, organizzata dalla locale amministrazione comunale. Nel settembre del 2009 viene rappresentata a Lecce nell'atrio del Palazzo dei Celestini (sede Prefettura), per conto dell’Amministrazione Provinciale, in occasione della Conferenza Internazionale sulla Violenza contro le Donne organizzata dal Ministero delle Pari Opportunità su commissione dalla Presidenza Italiana del G8. Nell'aprile 2010, nel Castello Carlo V di Lecce, trova una forma narrativa diversa attraversando una mostra-percorso dal titolo "Silent Witness" (testimoni silenziose) allestita, nell’ambito della Rassegna “Itinerario Rosa” organizzata dal Comune di Lecce, per denunciare gli omicidi subiti da donne nell'ambito familiare. Nell’estate del 2010 la performance si evolve in spettacolo per tre interpreti, si accresce di ulteriori contenuti e viene rappresentato in prima assoluta, presso i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce per “Opendance 2010” Rassegna Internazionale della nuova danza; e, di seguito, negli anni, presso: Teatro Comunale di Novoli (Le); Teatro Romano di Lecce; Teatro Greco di Roma; nel 2013 e nel 2014 presso il Teatro Politeama Greco di Lecce su incarico dell’Assessorato alle Pari Opportunità della Provincia di Lecce con spettacoli serali e matinée per gli studenti degli Istituti Superiori Statali di Pubblica Istruzione delle Provincie di Lecce e Brindisi. Su incarico delle rispettive amministrazioni comunali a: Trepuzzi (Le); Oria (Br); Casalabate (Le); Castello di Acaya (Vernole – Le) ed ancora presso il Teatro Comunale di Galatone (Le) per la rassegna teatrale "AttrAttori di Armonia” ed il Teatro San Filippo Neri di San Benedetto del Tronto (AP) per la rassegna nazionale di arte contemporanea “Vuoti d’Aria 2019”. Un lavoro-studio, quindi, in continua evoluzione per luoghi, contesti, avvenimenti ma che conserva inalterato il suo messaggio di denuncia.

Visualizza la scheda completa su SONAR