Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Passacaglia

Compagnia dei Folli

regia Davide Calvaresi

anno 2020

attori D'Angelo Valentina Giuliani Ottavio Lanciotti Chiara Valenti Silvia

scheda artistica
“Passacaglia” è una citazione di una danza popolare spagnola in voga alla corte di Luigi XIV. La Passacaglia è infatti una forma musicale basata sulla variazione continua su di una nota dominante. Il termine spagnolo significa “passare la calle” (ossia la strada) e rivela la provenienza popolare dei musicisti girovaghi che la eseguivano. Lo spettacolo è una fiaba ambientata nel 1800; protagonista è una sovrana molto potente che esercita il suo potere sui sudditi. Dall'alto del trono la regina decide gli andamenti del suo stato, governa il tempo del suo regno e delibera sulla vita degli abitanti. I sudditi, da parte loro, bramano di raggiungere le stanze del potere, per non essere sopraffatti, per avere voce in capitolo. Sfruttano tecniche circensi e acrobatiche, si susseguono tentativi di raggiungere il potere rappresentato dal microfono sospeso utilizzato dalla sovrana decadente che, dall’alto del suoi trampoli, regge le fila della storia. Sullo sfondo uno schermo, che richiama un antico cammeo, è il canale di comunicazione del regime al potere. Grazie a piccoli espedienti, in realtà performance di circo acrobatico, i sudditi provano singolarmente a superare l’altezza che li separa dal microfono, non ci riescono e, anzi, qualcuno perderà la vita nel tentativo. Questo evento provoca una ribellione che causerà la caduta della sovrana, ma il finale dello spettacolo resterà aperto, lasciando intendere che il totalitarismo è sempre in agguato. Il carattere innovativo della proposta sta nell’utilizzo atipico delle diverse tecniche e dei linguaggi (arti visive, teatro di prosa, canto, circo contemporaneo, video-mapping) sviluppati non come singole performance, bensì come elementi narrativi della trama. I trampoli si trasformano così in strumenti musicali, il tessuto aereo diventa una scala, il baule si apre come un portale per l’aldilà. Questo spettacolo nasce come una riflessione sulla libertà e soprattutto come un invito ad agire e a fare delle scelte di responsabilità perché se la libertà è come l'aria, ci si accorge di quanto vale solo quando inizia a mancare. Pur essendo il primo spettacolo della Compagnia dei Folli pensato per il teatro, "Passacaglia" fonde al suo interno la lunga esperienza quarantennale di teatro di strada con i nuovi media. Non a caso a firmare la regia è il video-artista Davide Calvaresi vincitore del Globo d' Oro 2019.

Visualizza la scheda completa su SONAR