Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

WATERPEOOF

SBAM dance connection

regia Melissa Zuccalà

anno 2020

attori Asia Scuderi Benedetta Cannolo Noemi Mulè

scheda artistica
WATERPROOF ( 2020 ) “Amo tutto ciò che è acqua, da sempre. Non so perché. Trovo, in essa, grande potenza, soprattutto, in ciò che scorre, si evolve, trascina, in compagnia di una velata solitudine. Ma, anche, in continuo mutamento nonostante possegga quella malinconia e quell'inquietudine che si ripete, scorre e trascorre... sempre...” Questo pensiero invade la mia mente da quando sono nata; riesco a provare un estremo benessere davanti a qualsiasi fonte acquatica che sia essa il mare, un fiume, il lago, o semplicemente il rumore dell'acqua che scorre; questo, mi causa uno stato di benessere e di purezza ineguagliabile: una sensazione di ricongiungimento con quella che è la parte ancestrale di me stessa. Questa condizione mi ha portato ad una lunga riflessione e ad un percorso di approfondimento per poter realizzare attraverso il corpo e, alcuni semplicissimi oggetti, uno spettacolo che raccontasse l'esperienza che io vivo ma che, da ricerche personali, tantissimi di noi vivono, a contatto con questa semplice e complessa materia. L'acqua, con le sue molteplici proprietà, viene utilizzata per bere, per innaffiare i campi, per lavarci. Da sempre, associamo l'acqua la rito di purificazione. Lo utilizziamo, nella sua forma solida, quando, per esempio, ci facciamo male per alleviare un dolore, lo utilizziamo nella sua forma gassosa quando vogliamo un purificarci e ci coccoliamo, ad esempio, con un bagno turco o con la sauna. Bevendo, idratiamo il nostro corpo e, attraverso i reni, eliminiamo le tossine; è un circolo, un ricircolo costante che ha sempre a che fare con il rapporto perenne, intimo, sublime tra mente e corpo. L'idea di realizzarne un'opera coreografica, partendo dal presupposto che questo argomento può essere condiviso da tanti e sollecitare tanti altri. Svilupperemo sulla scena una serie di esperimenti scientifici trasformandoli in opera-danza; proprio lì, sul palcoscenico, in quella che consideriamo la casa dove le nostre idee prendono forma. Non vi sarà una grande scenografia, non vi saranno costumi complessi; l'azione minimalista, cercherà di racchiudere in sé tutto il potere che l'acqua ha nei confronti dell'uomo.

Visualizza la scheda completa su SONAR