Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Piero.

CampoverdeOttolini

regia Elisa Campoverde e Marco Ottolini

anno 2020

attori con Elisa Campoverde e Marco Ottolini

scheda artistica
Pietro Sanua muore all’alba del 4 Febbraio 1995 a pochi passi dal mercato di Corsico (MI) con un colpo di lupara in testa, che una Fiat Punto grigia scarica contro l’abitacolo del suo furgone. A fianco a lui Lorenzo, il figlio ventenne. Alle sue spalle il carico per la giornata di mercato, stipato sul furgone. Dal 2010, il suo nome è all’interno dell’elenco delle vittime innocenti delle mafie. La Milano che fa da sfondo alla sua storia è un città in pieno fermento, composta da immigrati meridionali trasferiti al nord per migliorare il proprio destino e convinti che l’impegno e il rispetto delle regole siano la strada giusta da percorrere. Una città che dagli anni 60 vive un’enorme crescita economica e demografica. Ma i grandi palazzi che ospitano le nuove forze lavorative sono anche i contesti dove inizia a crescere la presenza ‘ndranghetista che, in meno di 30 anni, come testimonia l’operazione Duomo Connection, parte dalle rapine tra i supermercati della periferia, passa dai palazzi della Milano Bene di Via Vincenzo Monti e arriva alla sede nazionale del PSI . In questi stessi anni Piero si trasferisce a Milano per trovare quell’ occasione che in Basilicata non avrebbe mai incontrato; inizia a vendere fiori agli angoli delle strade, apre il suo primo banco al mercato, ne diventa fiduciario, incontra l’amore di Francesca per poi vederlo messo in crisi giocandoselo a carte, apre la prima sede milanese del centro antiracket SOS Impresa, si candida alle elezioni amministrative, diventa padre di famiglia e garante del lavoro degli altri ambulanti, come sindacalista. Ma in quegli anni la mafia sfiora ogni cosa. In quegli anni nella periferia ovest di Milano ti capita di incontrare la mafia bevendoti un caffè. Camminando per strada. Tra i banchi di frutta e verdura. Il mercato per Piero è un luogo di lavoro, la sua quotidianità, ma è anche l’ambiente in cui può esprimersi e, con ostinazione, far sentire la sua voce. Una voce schietta in un brulicare di suoni, dove i pensieri sono ovattati e le accuse arrivano indistinte. Una confusione di intenti che lascia spazi alle zone grigie della criminalità. Pietro Sanua o Piero, come lo chiamano tutti, è un immigrato, un commerciante, un sindacalista, un politico, un tifoso del Milan, un padre e un marito. Questa è semplicemente la storia di un uomo. - Note di Regia L’incontro con la storia di Pietro Sanua nasce dall’incontro con suo figlio Lorenzo. Il percorso di scoperta di questa storia si è ampliato grazie ad interviste con i familiari e alcune delle personalità e dei giornalisti che meglio hanno potuto contestualizzarla. Lo spettacolo ripercorre trentaquattro anni della storia di Pietro Sanua, di Milano e dell’evoluzione della presenza mafiosa al nord. Un periodo, quello dal 1961 al 1995, che ha visto interi contesti trasformarsi all’interno di un continuo evolversi della cultura politica e sociale. Lo spettacolo ha debuttato il 31/01/20

Visualizza la scheda completa su SONAR