Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Quarto Grado

Collettivo Cenerentola

regia Francesco Lonano

anno 2018

attori Fedele Tullo Francesco Lonano Pietro Monfreda

scheda artistica
Un gigantesco paradosso si consuma tra scenari assurdi, in particolare stile kafkiano, e dialoghi visionaristici apparentemente senza né capo né coda. Ma dietro questo gioco in cui la finzione supera la realtà, si nasconde una profonda, acuta e lucida riflessione filosofica sulla verità. Se un tempo eravamo un popolo di poeti, santi e navigatori, oggi siamo un popolo di sedicenti medici, statisti e critici. Nell’era dell’iperdigitalizzazione i nostri account vengono violati, le nostre foto devono essere alla mercè di tutti, le nostre informazioni sono il segreto di Pulcinella e le nostre interazioni sociali è come se fossero urlate dai tetti. Il grado di privacy di una società si basa su uno spettro di due opposti: trasparenza e segretezza; non è importante quello che facciamo, purchè si sappia. Il poeta Eliseo, solo nel suo studio, riceve inaspettatamente la visita di un inquisitore. Si sta indagando attorno ad un accadimento non precisato. La discussione prende diverse strade ma il gioco è chiaro: il commissario vuol sopraffare Eliseo e questi tenta in ogni modo di uscirne. Una lotta senza tregua né traguardo. Qual è l’ora esatta in cui il poeta, “il giorno sabato 13”, è uscito di casa? Le due? Le due e tre quarti? Poco conta, l’importante è investigare per l’uno e negare per l’altro... "La vera arte, quindi la verità, consiste nel porsi domande semplici". In questa espressione-chiave è racchiuso il senso di "Quarto Grado”, riadattamento teatrale de "La Donna nell'Armadio" di Ennio Flaiano a cura di Francesco Lonano.

Visualizza la scheda completa su SONAR