Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Apple Banana

Marco Bonadei

regia Marco Bonadei, Chiara Ameglio, Vincenzo Zampa

anno 2019

attori Marco Bonadei

scheda artistica
George, la scimmia che fuma, colui che ha compiuto la grande traversata, il primate schiavo del consumo, l’uomo chiuso nella gabbia delle sue contraddizioni, ci osserva e si lascia osservare; è diviso tra parte animale e coscienza acquisita, forze in lotta che frenano la sua evoluzione. La vita lo mette costantemente difronte a una scelta, si tratta di un monotono loop, uno stallo quotidiano, un’ossessione: dover valutare costi e benefici, rinunciare a qualcosa che sembra irrinunciabile, assumersi delle responsabilità. L’unica soluzione sembra essere quella di abbandonarsi al lato più impulsivo. Quando, non incapperà più in un bivio? Ma poi, queste due strade sono realmente due? Esiste l’opportunità di una scelta o è solo un’illusione? Lo spettacolo esplora l’uomo e la sua creatività senza limiti, l’uomo in possesso di quegli strumenti, così potenti da renderlo “libero” e così complessi da farlo schiavo. Di fronte a due o più possibilità, perplesso e disorientato George si blocca, va nel panico, perde il controllo. In un costante confronto con se stesso, il protagonista si arrovella in cerca della scelta giusta, tra schemi mentali e modelli di pensiero comuni, digressioni fantasiose, e una certa istintività che spesso prende il sopravvento. Oltre al confronto con se stesso, con i suoi dubbi e le sue paure, George ne ha uno con l’esterno, importantissimo: l’incontro con gli altri primati seduti in platea. Le società moderne premiano chi sa gestire interazioni sociali multiformi e guidare grandi gruppi; entrare a far parte di una società evoluta, ma soprattutto stringere alleanze, istaurare relazioni e cercare di sorpassare la posizione sociale altrui, è la sfida più grande che il protagonista deve affrontare nel suo processo di trasformazione. Il lavoro indaga il mondo dei nostri cugini, le scimmie antropomorfe, e quello che abbiamo in comune; un mezzo per affrontare nella forma più primitiva e primigenia temi quali: empatia, coscienza di se, percezione del tempo che scorre, comunicazione, linguaggio, e quella “soluzione creativa” che media fra l’adattamento sociale dell’individuo, le sue emozioni e i suoi istinti.

Visualizza la scheda completa su SONAR