Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Tempi Maturi

Arrigazzi\deMandato

regia Emanuele Arrigazzi

anno 2017

attori Emanuele Arrigazzi

scheda artistica
Una performance quasi circense con in scena solo tre elementi: un attore, due rulli da ciclista e una bicicletta. É indispensabile mantenere il ritmo e l’equilibrio, nelle parole e nelle pedalate, tra alti e bassi, un equilibrio che a volte si fa sentire con la fatica e il sudore. Lo sforzo è reale e lo spettacolo diventa anche una prova atletica, lo sport è un altro dei temi presenti, si racconta come sia uno sfogo ma anche una metafora dell’esistenza stessa. Emanuele Arrigazzi porta al limite la sua recitazione. Una scelta di regia e drammaturgia “nuda”, totale, non c’è scena, non ci sono costumi, non ci sono musiche, c’è solo il testo, il corpo dell’attore gobbo nella bicicletta e con lo sguardo costantemente a terra per non cadere, nessun appiglio per il pubblico, nessun momento di sospensione, nessun occhiolino, la storia e il suo protagonista. Il testo di Allegra de Mandato sceglie di non avere appigli, di raccontare una storia quasi vera scegliendo di presumerla vera, di entrare nella testa di qualcuno che non ha certezze, ma solo paure, paura della morte, paura di fallire, paura di non riuscire a superare la sindrome dell’impostore e quel burn out che inseguono una generazione tra i trenta e i quarant’anni che ha visto il vuoto negli occhi. Il cui santo protettore è San Nicola, il sano inventato da Vinicio Capossella, il protettore delle vittime dei propri errori, siamo tutti vittime dei nostri errori e tutto può sbriciolarsi o prendere forma in un secondo.

Visualizza la scheda completa su SONAR