Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

ANAMONI

Matroos DanceTheatre Company

regia Lisa Rosamilia

anno 2017

attori Lisa Rosamilia - performer

scheda artistica
Lo sguardo di Anamoni si dilata nell’acqua. Vive connessa a una muraglia galleggiante di porte e finestre, che è casa e scialuppa e da quel veliero fatiscente osserva il mare e attende. Fluttua l’assenza, la perdita, si disperdono e inabissano visioni, Anamoni tesse la tela dell’attesa. Compone il suo quadro di corde e reti che legano telai di vecchie finestre, la sua fragile imbarcazione, unico rifugio nel mare della sospensione a cui la costringe l’attesa. Tessere e disfare si trasformano in una danza ritmica, temporale, alternata a momenti di stasi fra trame e spazi di tessuto. La musica risuona attraverso i passaggi di fili sulla tela, come se fosse essa stessa a produrli. Anamoni tesse tele reali e metaforiche, fila nell’attesa trame e orditi, in un’architettura che imbrogli il tempo, un non luogo dove niente è ancora accaduto e tutto deve ancora succedere, un apparente tempo immobile, che si consuma in attesa di un divenire. Note di Regia Spettacolo di TeatroDanza dove oggetto scenografico, composizione coreografica e musica si intrecciano comunicando tra loro. Lo spettacolo prende spunto dalla figura della Penelope omerica rielaborando il personaggio classico nella rappresentazione di un’attesa instabile e mobile, spesso fine a se stessa. Anamoni è una Penelope contemporanea, non c’è nessun uomo da aspettare, né Proci da ingannare, ma solo uno spazio da riempire sempre in bilico con il vuoto e una tessitura che non è inganno del tempo, ma inseguimento e fuga, costruzione e creazione. La Scenografia e la Danza La dimensione di Anamoni è una memoria sonora, visionaria e materica. La memoria contenuta nell’oggetto di una vecchia finestra che ha visto, riflesso, atteso, è collegamento e ispirazione per la natura del personaggio e del racconto di Anamoni. L’elaborazione dello spettacolo parte dal recupero di vecchi infissi, reti da pesca e materiali in disuso ricontestualizzati nella costruzione della scenografia; una tela-telaio costruita in sezioni, tessere, stanze, scultura vivente e mezzo necessario alla danza. La tela, intesa come uno specchio del sé, attraverso giochi di tessuti, video proiezioni, luci e ombre, rimanda all’immaginazione e al disvelamento dell’invisibile. Vuoti e pieni, stasi e movimenti di fili che vengono intrecciati, dove il continuo fare e disfare è movimento circolare in cui ogni cosa è eternamente attesa, sperata e rimandata. La Musica La musica alterna composizione per pianoforte e violino, a sonorizzazioni realizzate dalla stimolazione sonora della scenografia stessa. Dalle tensioni delle corde e dei tessuti sulla tela, dalle reazione al movimento del corpo in essi, nasce la musica, che risuona dalla tela come fosse un’arpa, un organo, un tamburo, un violino. La musica è arricchita da sonorizzazioni di elementi naturali come onde del mare, cigolii del legno, strofinii di fili e fruscio della sabbia.

Visualizza la scheda completa su SONAR