Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

YOUFIGHT!

Kokoschka Revival

regia Ana Shametaj

anno 2019

attori con Ondina Quadri, Alice Raffaelli

scheda artistica
YOUFIGHT! è un confronto spietato con la tecnologia, in cui lo spazio virtuale prevale sullo spazio reale. E’ la storia di due ragazze che lavorano e vivono il loro quotidiano online: due fighters che non si guardano mai negli occhi, pur condividendo, per assurdo, lo stesso spazio del reale. I temi e il contesto sono le nuove forme di intrattenimento in live streaming, la promozione e monetizzazione della propria immagine attraverso i media, il logoramento delle relazioni umane nella distopia tecno-capitalista. Nell’era del branding del sé, dell’individualismo dominante, dello smartphone intimo e inseparabile...YouFight! Per cosa stai combattendo? Ci sono le tre S per cui in molti combattono: Soldi, Sesso, Successo. Quello dei lavoratori dello spettacolo online è un fenomeno in costante espansione, soprattutto tra i giovanissimi. Dalle Camgirls, passando per i Gamers, fino agli influencers: si muovono su Instagram, Youtube o Twitch, producono contenuti audiovisivi in live-streaming o pre registrati, gratis o a pagamento. YouFight! è una piattaforma, dove ogni utente combatte per vivere e guadagnare soldi, che riceve in forma di credito/Like dal suo pubblico (chiamiamo questa moneta Energy Coin). Ognuno può proporre il gioco di combattimento che vuole, e le nostre due protagoniste si sfidano a chess Boxing: uno sport nel quale si alternano un round di Boxe e uno di scacchi. Nella stessa piattaforma di YouFight! si può spendere il tempo libero in altri servizi di intrattenimento immersivi, da fruire in solitudine ma sempre sotto gli occhi di un pubblico. Le due protagoniste si chiamano Kasparov e Deep Blue, nomi chiave per il transumanesimo. Nel 1997 lo scacchista Garry Kasparov sfidò il computer IBM Deep Blue. Si dice che Deep Blue fece una mossa particolare, dovuta a un errore di calcolo, e questa mossa mandò in tilt Kasparov, che iniziò a pensare che la macchina fosse troppo creativa, troppo umana per essere un computer, e abbandonò la partita. Anche la nostra Deep Blue fa un errore, non di calcolo, ma di umanità. La riparazione di questo errore è un atto poetico che porta a un cambio di paradigma all’interno di questo ring. Spettacolo interattivo multimediale - genere: prosa; teatro di narrazione ma senza parola Durata: 50 minuti. Dopo lo spettacolo segue una sessione partecipata con il pubblico dove facciamo provare le nostre tecnologie interattive in round di boxe.

Visualizza la scheda completa su SONAR