Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

LIBYA. BACK HOME

La Ballata dei Lenna

regia Paola Di Mitri

anno 2019

attori Miriam Selima Fieno

scheda artistica
LIBYA. BACK HOME è uno spettacolo di teatro documentario che segue il viaggio di Miriam Selima Fieno verso la Libia, nel tentativo di mettersi sulle tracce delle sue origini nordafricane.
Molti anni dopo la morte del nonno, Giancarlo Fieno, Miriam viene a conoscenza di un libro di memorie finito di scrivere nel 1993. Giancarlo narra le vicende che lo vedono coinvolto a partire dal 1943, anno in cui viene destinato al fronte nordafricano, in Libia, come medico di guerra. Giancarlo resta in Libia per 27 anni svolgendo con passione la sua professione e durante questi anni incontra una donna libica, Uorda. I due si innamorano e con non poche difficoltà riescono a sposarsi. Dalla loro unione nascono sei figli, tra cui il padre di Miriam, Riccardo Fieno.
L’intera famiglia risiede felicemente in Libia fino al 1970, anno in cui si trova costretta a partire per l’Italia a causa dell’arrivo al potere di Gheddafi e degli imminenti cambiamenti sociali e politici.
A seguito del ritrovamento del libro, Miriam inizia a raccogliere fotografie, Super8 e documenti appartenuti ai nonni. Con l'aiuto del padre ricostruisce una mappa storica e geografica della Libia, scopre contatti di parenti libici di cui non conosceva l’esistenza, e decide di avviare tutte le pratiche necessarie per intraprendere un viaggio che la porterà in Libia, verso i luoghi dove la sua famiglia ha vissuto.
Ma presto Miriam si accorge che andare in Libia, di questi tempi e per vie legali, non è facile come si sarebbe aspettata.
Nel corso della sua ricerca, Miriam entra in contatto con Salem un suo cugino libico di cui non conosceva l’esistenza, l’iracheno Haidar ex professore di inglese all’università di Tripoli e Khalifa Abo Khraisse, giornalista e corrispondente da Tripoli di alcune testate italiane sulle quali riporta il conflitto politico in Libia.
Miriam instaura con Salem, Haidar e Khalifa una quotidiana corrispondenza, e una forte amicizia, che la portano a riflettere sul passato e il presente, sul rapporto travagliato e ancora esistente tra la Libia e l’Italia. Il racconto della vita quotidiana della sua nuova famiglia libica si svolge in un campo di dialogo paritario, dove svelare qualcosa di intimo è il contrario stesso della morte e celebrarsi nel racconto diventa un rito collettivo. “Per sentire com’è vivere oggi in Libia, voglio che immaginiate qualcuno seduto in una stanza, piena di schermi televisivi montati su tutte e quattro le pareti, dall’alto verso il basso.
Questi schermi continuano a mostrare cose diverse in ogni momento, e la persona nella stanza non ha il telecomando. Ogni pochi secondi il programma cambia su tutti gli schermi, ed è tutto a pieno volume e confuso. È troppo difficile spiegare a qualcuno al di fuori di quella stanza cosa vuol dire essere la persona nella stanza, ed è difficile sapere cosa sta succedendo fuori dalla stanza. Siamo tutti la persona nella stanza, a Tripoli, Livorno, Roma, Tunisi, tutti. Non siamo altro che in stanze diverse.” K. A. Khraisse

Visualizza la scheda completa su SONAR