Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Romanzo di un'anamnesi

Sara Parziani

regia Sara Parziani

anno 2019

attori Sara Parziani

scheda artistica
Testo selezionato per il progetto “Scritture”, ideato da Lucia Calamaro, e vincitore del Primo premio di drammaturgia contemporanea per la sezione del Progetto DOIT festival L'Artigogolo scrittori per il teatro 202'. Questa è la storia di una bambina che diventa grande. Lungo un percorso di crescita in cui a segnare le tappe sono problematiche fisiche che con il tempo spariscono, si ripresentano, cambiano, ci si muove tra un mondo esteriore popolato da famiglia, ospedali, scuola e un mondo interiore popolato da storie e personaggi fantastici. Camminando tra questi due mondi, il desiderio di essere come gli altri e la fatica di capire qualcosa in più di sé, la bambina diventa grande confrontandosi, senza saperlo, con una “malattia rara”, ma scoprendo la libertà di poter essere se stessa e di poterlo raccontare. “Quanti punto deboli si possono avere in contemporanea?”, questa è una delle tante domande che vengono sollevate durante lo spettacolo, un monologo che parla di punti deboli, di fragilità, ma anche, soprattutto, della libertà di poter essere se stessi e di poterlo raccontare. Il monologo si presenta come un romanzo di formazione a carattere autobiografico dove il percorso di crescita coincide con la consapevolezza, attraverso una serie di sintomi definendo, appunto, un'anamnesi. Si tratta della Sindrome di Ehlers – Danlos, una malattia rara che colpisce il connettivo. Ma la parola romanzo del titolo è rivolta, inoltre, ai libri, alla fantasia e alle strategie che ognuno di noi mette in campo per trasformare una situazione, inventarsi un rifugio e allo stesso tempo un modo nuovo per spiegarsi quello che faticosamente ci si spiega. Se la trama portante è indubbiamente quella sanitaria, le tematiche sollevate sono più ampie, andando a toccare con forza il tema dell'identità, della sua costruzione e accettazione a livello individuale e collettivo, come il “perché a me?” che si chiede quando ci sentiamo diversi, dimenticandoci che proprio questa è una domanda che, invece, ci accomuna tutti e che quello che, forse, vorremmo sapere è “perché non a me?”. Come anticipato, un altro tema è sicuramente quello delle strategie di sopravvivenza che ognuno di noi ricerca e si crea, degli spazi di libertà all'interno di costrizioni, proprio come, a ben guardare, è capitato di vedere anche in questi tempi rabbuiati dal covi-19. Infine, un'ulteriore questione toccata dallo spettacolo è lo scoprire di potersi mostrare davvero agli altri superando il timore del giudizio, la libertà, di nuovo, di poter raccontare anche le cose più importanti e difficili, scoprendo che, sorprendentemente, spesso gli altri sono più pronti a capire le parti di noi stessi. Per parlare di tutto ciò, il linguaggio scelto vuole mescolare poesia e ironia per creare un'atmosfera surreale e leggera, ma di quella leggerezza calviniana che non è superficialità, ma planare sulle cose dall'alto, non avere macigni sul cuore.

Visualizza la scheda completa su SONAR