Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

La Bestia

Associazione Culturale Teatro Azione

regia Simona Fossa

anno 2019

attori Andrea Ceravolo, Lucia Fiocco, Simona Fossa, Grazia Giansante, Luca Scognamiglio

scheda artistica
LA BESTIA Il progetto nasce all’interno del Laboratorio di drammaturgia e messa in scena tenutosi nell’anno accademico 2018-2019 presso Teatro Azione. SINOSSI Sicilia, anni ’80. Nonostante la lotta alla malavita abbia aperto uno spiraglio di luce, Elettra e Crisotemide vivono in una terra soffocata dalla legge del più forte. La giustizia non è mai stata così vicina eppure sembra irraggiungibile. Figlie del capomafia Agamennone, ucciso a tradimento dalla moglie Clitennestra, le due ragazze crescono simbionti eppure distanti, immerse in un mondo fatto di eterne attese e odi antichi, fino a quando sono chiamate a decidere a quale sistema appartenere: lo Stato o Cosa Nostra. Lo scontro è inevitabile e sarà inasprito dalle creature che si agitano intorno alle due protagoniste, in un conflitto in cui i ruoli di vittima e carnefice si sfumano e si confondono. Elettra e Crisotemide si troveranno costrette ad affrontare una bestia che esiste e prolifera sia nella società che nei più reconditi abissi dell’animo umano, lì dove non è concessa l’esistenza nemmeno alla più flebile luce. NOTE DI REGIA Il mito permea il testo che mantiene, pur essendo ambientato in epoca moderna, un sapore ancestrale e archetipico. Il lavoro registico ha puntato a mantenere vive queste caratteristiche, mettendo in scena una contrapposizione di forze primitive come lo scontro tra due sorelle e quello tra la giustizia e la vendetta. L’utilizzo del dialetto siciliano ha contribuito a scarnificare i personaggi e a dare nuova vita e senso alle parole. Una messinscena di taglio contemporaneo ha posto gli attori sempre sul palco, e li ha privati di ogni via di fuga, come rinchiudendoli in una gabbia. Gli attori hanno così potuto lavorare sulla riscoperta di una loro parte animale che li spingesse a rapportarsi tra loro senza filtri, per restituire sulla scena delle figure al tempo stesso tragiche e bestiali.

Visualizza la scheda completa su SONAR