Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Amore di chi?

Elisa Bottiglieri

regia Elisa Maria Bottiglieri

anno 2019

attori Elisa Maria Bottiglieri

scheda artistica
(Sinossi) In uno stabilimento balneare, tra sdraio e ombrelloni, si alternano attorno a un misterioso bambino diverse figure. Chi si prenderà cura di lui? La piccola comunità del bagno si troverà costretta a confrontarsi per capire e trovare delle soluzioni. Una riflessione sulla maternità e sulle capacità della nostra società di prendersi cura del prossimo. (Note) 'Ho iniziato questo lavoro quando è nata mia figlia. L’esperienza della maternità, la solitudine, la tenerezza, la stanchezza mi hanno spinto a confrontarmi. Ho intervistato parecchie madri, qualche padre, ho raccolto storie, opinioni, esperienze diverse . La percezione di una forte pressione sociale mi è sembrata essere uno dei punti in comune più interessanti. Ne è nato il progetto ‘Madre snaturata’ in collaborazione con la Corte Ospitale di Rubiera. Qui all'interno del progetto ho condotto un laboratorio teatrale rivolto alle scuole materne. Con i bambini e con le insegnanti abbiamo creato una narrazione che aveva come protagonista un bambino solo sulla spiaggia. Ho deciso, dopo un' apertura al pubblico al termine della prima residenza, che oltre a provare a raccontare alcuni lati più 'indicibili' della maternità mi interessava soprattutto mettere in luce l’enorme contraddizione tra il singolo, per lo più la madre, e quello che da questa ci si aspetta in termini di cura, e la collettività che sembra aver smesso di interrogarsi sul bene comune e sul bene del prossimo. Ogni bambino non è anche un nostro bambino? I bambini oggi sono solo della loro mamma? Nasce da questo percorso ‘Amore di chi?’. Lo spettacolo non ha ancora debuttato. Il lavoro sul testo è terminato (anche se nel video ci sono diverse sporcature e sento necessario rivedere alcune cose soprattutto dell'inizio). Manca l'allestimento relativo alle luci, per ora ho ipotizzato alcuni controluce su alcuni cambi e sul finale (quando il bambino viene lanciato in acqua), una luce da accendere e spegnere a mano dentro l'ombrellone. Ho coinvolto un paio di colleghi per aiutarmi in questa ultima fase, Maria Paola Di Francesco per le scenografie e il regista Fulvio Vanacore per consulenza a testo, regia e suono (anche su quest'ultimo per ora sono state fatte solo alcune ipotesi). In scena ci sono un ombrellone, una sdraio (quelli del video) un tavolino e un grande tappeto (ancora da inserire). Il palco dovrà essere nudo, non quintato. Attorno all’ombrellone, nella parte del fondo del palco avvengono i cambi, da un personaggio all’altro. Non si tratta di cambi ma più di passaggi, ancora da approfondire, anche in questo caso le luci dovrebbero accompagnarmi in questo lavoro.

Visualizza la scheda completa su SONAR