Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Perfetto Imperfetto

Scenica Frammenti

regia Loris Seghizzi

anno 2019

attori Sveva Gini, Eros Carpita, Roberto Kirtan Romagnoli

scheda artistica
PERFETTO IMPERFETTO MOSTRIamo quel che SIAMO! Il corpo umano: perfetto come la macchina viva chiamata uomo, capace di svol- gere azioni impensabili, di vivere e sopravvivere grazie e malgrado le decisioni del- la mente. Imperfetto perché caduco, mortale, capace di rivoltarsi contro se stesso e contro i suoi simili. Cosa accade quando si tenta di manipolare la vita per rendere l’uomo perfetto? Viviamo in un mondo dove tutto questo avviene: dove le cure mediche e i surroga- ti del cibo si spingono fino a renderci dei precari equilibri di sostanze chimiche; dove lo stile di vita, andando verso l’agio estremo, spesso ci porta al distacco emotivo e sociale per mezzo di tecnologie che creano realtà virtuali sempre più fenomenali e ineguagliabili dalla vita stessa. Viviamo in un mondo dove giornalmente assistiamo a questa aspirazione al perfetto, che proprio perchè figlia dell’uomo, scade nell’inevita– bile imperfezione, talvolta sfiorando l’aberrante e il mostruoso. Pensiamo che tutto questo renda necessario un elogio al corpo umano così com’è- Abbiamo pensato di farlo attraverso uno spettacolo per bambini che farà ridere e ri- flettere anche gli adulti. In scena un dottor Frankenstein con manie di onnipotenza che si prepara a pre- sentare al pubblico “Lo Creaturo”, il prodigio da lui ideato, un prodotto da televendi- ta che incarna un traguardo che l’umanità deve raggiungere. Questi due personaggi vestono la dicotomia creatore/creatura, dottore/malato, perfetto/imperfetto. A fianco a loro, una ragazzina, uno specchio per il piccolo pubblico e un ago della bilancia fra i due estremi. Entrerà in questo quadretto e porterà scompiglio. Sarà la motivazione che spingerà gli altri a cambiare il proprio comportamento e il proprio destino? In questo percorso di accettazione del sé, ci divertiremo a prendere le parti talvolta dell’uno e talvolta dell’altro, chiedendoci: CHI è realmente il mostro? Cos’è perfetto e cos’è imperfetto? E noi siamo Frankenstein o siamo mostri? È giunto il momento: MOSTRIamo quel- lo che SIAMO!

Visualizza la scheda completa su SONAR