Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

FINISTERRE (L'uomo che inventò il biliardino)

Compagnia NIM - neuroni in movimento

regia Marco Taddei

anno 2018

attori Laura Zeolla , Fabio Bisogni e Francesca Badalini (musica dal vivo)

scheda artistica
E se la tua terra fosse in guerra? E se fossi costretto a scappare? In esilio, per anni, per sempre. Tu, come ti sentiresti? Tu, cosa, faresti? Finisterre è un luogo della Galizia affacciato sull’oceano. Finisterre è anche un nome, quello di Alejandro Finisterre: sognatore, inventore, poeta, editore, viaggiatore, esiliato, antifascista, ballerino di tip-tap. La sua storia viaggia per l’Europa e il Sud America attraversando il fiume in piena del Novecento: dalla guerra civile spagnola al Terzo Millennio. Nella sua incredibile vita c’è un’invenzione senza tempo: il Biliardino. Ci sono incontri straordinari con Picasso, Che Guevara e poeti antifranchisti; fughe, pubblicazioni clandestine; scontri di ideologie e poesie. Una vita piena d’amore, amicizia, rabbia e odio per la dittatura franchista che diventa lotta armata di parole, senza fucili o bombe, una lotta realizzata pubblicando bombe di poesia che fanno male alla dittatura. Cosa ci resta di tutto questo? In che modo la storia di quest’uomo può aiutarci oggi a definire meglio chi siamo e che vita vogliamo vivere?

Visualizza la scheda completa su SONAR