Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

HUMAN FARM

Fartagnan Teatro

regia Fartagnan Teatro

anno 2019

attori Federico Antonello, Luigi Aquilino, Michele Fedele, Matteo Giacotto

scheda artistica
Human Farm è il secondo capitolo della Trilogia Distopica con cui i Fartagnan Teatro continuano la ricerca di un proprio linguaggio narrativo che fonde i riferimenti della cultura pop cinematografica e seriale con il medium artistico del teatro, approfondendone i risvolti tematici e i collegamenti con la contemporaneità. Con Human Farm la compagnia si immerge nelle problematiche dell’attuale mondo del lavoro, traendo ispirazione dai classici della letteratura distopica come 1984 di G. Orwell e Ritorno al Mondo Nuovo di A. Huxley, e prova a fondere generi differenti fra loro, dallo spymovie alla commedia musicale. Human Farm, come tutta la Trilogia Distopica, ha come obbiettivo quello di riportare a teatro generi narrativi che si sono allontanati dal palcoscenico come la fantascienza, il triller, la distopia, generi desueti nei teatri ma che attualmente rimangono i più efficaci per avvicinarsi e parlare alle nuove generazioni. Volendo creare spettacoli per gli spettatori del domani, occorre riavvicinarsi ai gusti del pubblico: non basta solo trattare di temi e problematiche vicine, ma occorre bensì ritrovare degli stili più accattivanti che possano essere comprensibili e affascinanti proprio per quel pubblico che non conosce nulla di teatro e che è cresciuto davanti ad uno schermo. Human Farm, con i suoi toni sopra le righe, ma dai colori sterili, vuole essere una favola distopica, un viaggio all’interno della nuova era dell’imprenditoria. La Human Farm, azienda segreta e finanziata da potenti multinazionali, crea ogni giorno lavoratori in vitro: gli umanzi. La nuova classe lavoratrice del futuro. Docile, condizionabile, fedele al datore di lavoro e, soprattutto, gratuita. Come fermare il Sistema? SINOSSI: In un futuro non molto lontano, un imprenditore visionario, finanziato da una potente cordata di multinazionali, ha creato in un laboratorio segreto una nuova tipologia di lavoratore destinata a rivoluzionare per sempre il mondo del lavoro. Il problematico, fragile e cagionevole essere umano sta per essere sostituito dal ben più docile, prestante e ubbidiente umanzo. I pregi degli umanzi rispetto agli esseri umani sono innumerevoli: Gli umanzi lavorano senza sosta e soprattutto senza chiedere in cambio nulla. Parole come malattia, ferie, maternità e stipendio per loro sono del tutto prive di significato. Per vederli saltare di gioia, basta sventolare davanti ai loro occhi uno dei loro amati buoni pasto. Ma il maggior pregio degli umanzi riguarda l'essere totalmente bio degradabili. Una volta terminato il loro ciclo lavorativo infatti nessun costo per l'azienda, nessun costo per la società, gli umanzi possono essere macellati, cucinati e dati in pasto ai loro simili per animare simpatiche feste aziendali. A contrastare questo entusiasmante progresso, nel laboratorio segreto arriva un giovane e arrogante giornalista precario convinto di poter cambiare il mondo con un reportage. Dove lo porterà la sua incoscienza? Benvenuti nella Human Farm!

Visualizza la scheda completa su SONAR