Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

terremoto dentro

ASSOCIAZIONE CULTURALE FUORI CONTESTO

regia emilia martinelli

anno 2019

attori interpretato da tiziana scrocca

scheda artistica
Il terremoto smuove. La terra trema ma poi si ricompone e si va sempre avanti. In scena una donna, figlia che ci canta il suo papà Vesuvio, il fuoco di lui, la smania di campare, di andare oltre il limiti. Mentre lei, intrappolata dai suoi di limiti, sta ferma e non si muove. Trema, vacilla, ma tiene e non crolla, non cambia, non vive. Lo spettacolo nasce dall’esigenza della compagnia di proseguire un lavoro già iniziato in precedenza sul principio del bilico, del tenersi in equilibrio nella ripetitività delle azioni quotidiane. Terremoto Dentro coglie quel momento, racconta questo salto. Una donna in equilibrio, sul punto di tuffarsi si ferma, non riesce, ha paura, è indecisa. Allora le torna in testa la storia del suo papà disabile, i cui limiti palesi sono stati invece motore di una vitalità sorprendente, imbarazzante a volte agli occhi della figlia, che vive quella disabilità più come sua che come di lui. Un confronto non facile quello con il padre, a tratti paralizzante, a tratti molla per saltare più avanti. In scena questo dialogo, e a raccontarlo è la figlia, , che ripercorre la memoria di lui, nel momento stesso in cui il suo corpo trema. E’ in bilico e rimane immobile, cercando di aggrapparsi alla terra e trovare la forza per andare oltre. Si desta il corpo quando vuole andare avanti, è la volontà a fare la differenza è ciò che percepiamo dal testo. In Terremoto Dentro ascoltiamo le memorie di un papà che si porta sulla schiena il peso visibile di una malattia, ma si muove tanto nei ricordi di lei, e canta alla figlia cresciuta, incapace di attraversare il suo limite, di rovesciarlo e vivere appieno un cambiamento.

Visualizza la scheda completa su SONAR