Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Quando avevo tutte le risposte, mi hanno cambiato tutte le domande

ODISSEOTEATRO

regia Antonio Tancredi

anno 2019

attori Raffaele Casagrande

scheda artistica
Presentazione Cosa ci spinge a cambiare vita? Un uomo, tra i quaranta e i cinquant’anni, un giorno decide di lasciare il lavoro in ufficio e aprire una pizzeria. L’apertura del nuovo locale si rivelerà davvero un’impresa! Quell’uomo dovrà ritornare a studiare, e soprattutto a confrontarsi con la burocrazia. “Quando avevo tutte le risposte mi hanno cambiato tutte le domande” è la storia di una persona, come tante, che sente la necessita di cambiare. Lo fa per fuggire da una vita sempre uguale e per il desiderio di dare vita a qualcosa di nuovo. Questa sarà la decisione che lo porterà a trovare il senso della propria vita. Una sedia, un attore ed una storia di riscatto per inseguire un sogno e al tempo stesso un ironico j’accuse a quel mondo fatto di regole che rende difficile il cambiamento stesso. Un po’ Aiace e un po’ Don Chisciotte, il protagonista vive una storia tragicomica, liberatoria, quanto può esserla una risata. Nota di regia Ci sono momenti della vita, quando ormai tutto scorre su binari conosciuti, che si vorrebbe fermare il treno e scendere per intraprendere una nuova strada, una nuova sfida, . Ma se l’idea sfiora chiunque, metterla in pratica non è da tutti. Le novità possono spaventare. E se non ce la faccio? E se perderò tutto quello che ho? A trent’anni il cambiamento è stimolante. A quaranta o cinquanta fa paura. Ma allora, cos’è che spinge a cambiare, nonostante l’età? Il nostro tempo ci richiede un adattamento alle trasformazioni in atto, che sono sempre più veloci e frequenti. Se non cambi, resti indietro. Ma il cambiamento segue una legge vitale, perché in natura tutto è in costante trasformazione. Abbiamo scelto questa storia perché ci ha permesso di affrontare il tema del cambiamento partendo da un uomo comune che si da una possibilità. Il suo modo di affrontare le situazioni, lo rende un personaggio epico e tragico-comico. Come gli eroi delle storie va fino in fondo, affronta le difficoltà con una sfrontatezza donchisciottesca. Alla fine del viaggio pieno di mostri contemporanei, non troverà castelli e principesse, ma qualcosa di più prezioso, un senso e una rinnovata capacità di affrontare il mondo partendo da quello che lo realizza.

Visualizza la scheda completa su SONAR