Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Iliade

CartiCù

regia Giuseppe Ciciriello

anno 2018

attori Giuseppe Ciciriello

scheda artistica
L’Iliade L’Iliade è il racconto degli ultimi cinquantuno giorni della guerra fra greci e troiani. È il racconto dal quale avrà origine la nostra civiltà, le vicende di una guerra simbolo di tutte le guerre: è la prima grande guerra narrata, l’epopea di un conflitto fra identità. Il mito racconta che per Elena, la donna più bella del mondo, i principi dell’Ellade siano partiti ed abbiano assediato Troia per nove anni fino alla sua caduta tra le fiamme. Ma la storia ci insegna che la città di Ilio, situata in Tracia a nord/ovest dell’odierna Turchia, nei pressi dello stretto dei Dardanelli, venne distrutta perché i greci potessero avere libero accesso ai commerci d’oriente senza pagare nessun dazio. Cos’è la guerra? La storia che si ripete inesauribile e insensata, senza memoria di sé stessa. La nostra Iliade è un racconto moderno, riproposto nel modo più antico, con un Aedo, Giuseppe Ciciriello, che dà corpo e voce alle vicende. Un attore, uno sgabello e la musica di Piero Santoro, le parole e i gesti a narrare dei protagonisti di una guerra lontana che ancora continua a essere attuale e a raccontarci il nostro tempo: Troia cade ed Enea, fuggendo dalla rovina e dalla morte, osserva la sua città natia avvolta dalle fiamme. Primo profugo ad attraversare il mediterraneo approderà proprio sulle nostre coste e darà vita ad una nuova civiltà la cui storia conduce fino a noi. Qui ed ora. La Narrazione Quale futuro attende una società che non è più in grado di immaginare il proprio futuro? Che società potrà mai essere quella che ha perso l’abitudine di raccontarsi? Abbiamo scelto di lavorare sulla narrazione e sulla tecnica del racconto epico, per ravvivare nel pubblico contemporaneo il potere dell’evocazione e dell’immaginazione. La narrazione è tra le più antiche forme di rappresentazione e trasmissione delle conoscenze. Dalla notte dei tempi l’uomo narra e ascolta storie, ed è proprio raccontando e immaginando, che l’essere umano crea e sviluppa la conoscenza, la sua coscienza e la percezione di sé. L’Aedo ci propone una storia e la potenza della sua evocazione, ci restituisce chiare e nitide le immagini di luoghi e vicende lontane che prendono vita dentro di noi per condividere un immaginario che parla di tutti e a tutti. Concentrico Factory Concentrico – Festival di Teatro all’Aperto in collaborazione con il Comune di Carpi e il Teatro Comunale di Carpi, a partire da questa stagione, dà vita ad un progetto dedicato alle produzioni teatrali per sostenere il lavoro legato al mondo del teatro attraverso la creazione e la presentazione di nuovi spettacoli con una speciale attenzione al mondo del Teatro Ragazzi e Didattico. IP produzioni impertinenti Ip produzioni impertinenti nasce nel 2017 dalla realtà teatrale Archelia. La collaborazione tra i due artisti Giuseppe Ciciriello e Piero Santoro, porta avanti un progetto irriverente di teatro di narrazione legato all’esplorazione dell’individuo e della società, dei pregiudizi, delle paure e dei

Visualizza la scheda completa su SONAR