Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

lungaguerra Soldatino

Teatro Zemrude

regia Agostino Aresu

anno 2018

attori Agostino Aresu

scheda artistica
TEATRO ZEMRUDE - PROGETTO CATERINA CLANDESTINA “lungaguerra Soldatino” Regia e interpretazione Agostino Aresu - Drammaturgia Sonora Daniela Diurisi Liberamente ispirato a “Il Soldatino di piombo” di H. C. Andersen, a “Radio Caterina”, ad una reale e visionaria storia della Seconda Guerra Mondiale. “La Caterina era un miracolo. Era la vittoria dell’intelligenza contro la fame, il freddo, l’angoscia, la solitudine e il sopruso..” La storia delle radio clandestine costruite dagli IMI (Internati Militari Italiani) fra il 1943 e il 1944, in particolare “Radio Caterina”, una radio autocostruita che nacque nel campo di Sandbostel, situato nella Germania del nord, per opera di un gruppo di IMI (Internati Militari Italiani). 
Ci immergiamo nella Storia della seconda Guerra Mondiale, ne attraversiamo i momenti cruciali, arriviamo a quello che accadde con l’armistizio dell'8 settembre firmato da Badoglio con le Forze Alleate, con l'esercito italiano allo sbando. Abbandonati senza piani e ordini dalle massime autorità politiche e militari alla Germania nazista, circa 800.000 militari italiani vengono catturati e deportati. Nel percorso di ricerca l’incontro con alcuni anziani protagonisti di quegli eventi ha permesso la costruzione del piano sonoro della storia: Francesco Venturi di Lecce che ha raccontato la sua esperienza di prigionia in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale, Antonio Ancora di Galatina (LE), ultra novantenne paracadutista sopravissuto della battaglia di El Alamein. Altra importante testimonianza è quella di Pasquale Cherubini, incontrato in un piccolo paese della Toscana, che racconta un precisissimo resoconto della sua esperienza di IMI. Affiancata alla narrazione dei fatti la fiaba "Il Soldatino di Piombo" di Andersen. Al centro c’è lui, un soldato, un soldato della Seconda Guerra Mondiale ma anche un soldato di tutte le guerre, un soldato che subisce le decisioni dall’alto e viene ingannato, abbandonato, così come fu l’8 settembre del ’43 che portò alla deportazione degli IMI - Internati Militari Italiani. Accanto a lui c’è Caterina, la Radio ma anche la ballerina di cui il soldatino s’innamora. La storia e la fiaba si intrecciano e restituiscono una lettura di una “lungaguerra” senza vincitori.

Visualizza la scheda completa su SONAR