Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

KNIVES IN HENS

COLLETTIVO CERCLE

regia SOUPHIENE AMIAR

anno 2018

attori JUN ICHIKAWA MARIANO APREA MICHAEL OUNSA

scheda artistica
LA STORIA Nella campagna, William e sua moglie vivono ai margini del villaggio e lavorano nei campi. In questa ruvida vita legata a credenze antiche, la giovane donna guarda e nomina il mondo che la circonda, il cielo, la terra ... Capire il suo ambiente significa essere più vicini a ciò che non può toccare: Dio.“Spingo i nomi in quello che succede come quando spingo il mio coltello nel ventre di una gallina per andare nel più profondo delle cose, anche se per questo dovessi attraversare il confine del bene”Nonostante le superstizioni e il disprezzo dei mugnai, i contadini devono andare al mulino di Gilbert Horn, dove macinano il loro grano. È lì che il mugnaio sfiderà la giovane donna a trascrivere i suoi pensieri. "Annota ciò che hai visto mentre andavi al mulino, mostrami che nel villaggio non ci sono solo contadini con la testa marcia che puzza di merda” RIFERIMENTI STORICI E ANTROPOLOGICI Dopo la vendemmia, molti contadini della pianura dovevano portare il loro grano al mulino ad acqua designato dal proprietario terriero e pagare una tassa elevata per trasformarlo in farina. I contadini recalcitranti cercavano di sottrarsi all’obbligo, fornendo così il ricavato della maggior parte del loro lavoro ai tribunali del barone. Il mugnaio rappresentava quindi una figura importante e odiata nella comunità. Il mulino doveva essere mantenuto dal lavoro dei contadini i quali avevano anche il dovere di sostituire la macina vecchia se danneggiata. Questi compiti, tuttavia, riunivano la comunità nello sforzo e nella gioia. In Germania, il mugnaio ha mantenuto una cattiva reputazione per molto tempo dopo il Medioevo.
“Sneaky as a miller” Subdolo come un mugnaio era una frase comune nei secoli XVI e XVII. Con questa espressione non si riferivano solo alla disonestà e all'inganno legati a questa attività, ma anche alla forza magica del mugnaio, che era legata a poteri orribili e soprannaturali. Così il mugnaio appariva come un essere molto malvagio, che non solo cercava di sfidare i suoi clienti, ma era un assassino, un mago e un burlone.Questi cliché sono stati indubbiamente largamente alimentati dall'ostilità dei contadini che si sentivano vittime. NOTE DI INTENZIONE Il nostro interesse si è concentrato su due temi, in particolare il linguaggio e il riflesso della mutazione di una società attraverso tre personaggi. Diverse metafore appaiono nel testo tra il linguaggio e l'evoluzione di questa micro società. Il testo ci ha spinto a mettere in discussione la forma e la complessità del linguaggio. La sintassi primitiva, ritmata, punteggiata, acuta, immediata porta a un linguaggio raffinato e poetico, come il grano che diventa farina descrive il movimento di un'umanità in divenire, il mondo contadino che sta morendo e una modernità che avanza, in cui ogni personaggio compie un viaggio allo specchio con la storia umana.

Visualizza la scheda completa su SONAR