Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Signorina, lei è un maschio o una femmina?

Giulietta Vacis Gloria Giacopini

regia Gloria Giacopini Giulietta Vacis

anno 2018

attori Gloria Giacopini

scheda artistica
“Essere donna non è facile. Specialmente quando non se ne accorge nessuno, che sei una donna”. Ecco come inizia lo spettacolo. Se da bambina ti insegnano che ti deve piacere il rosa perché sei una femmina, ma a te piace terribilmente il blu, cosa succede? E se ti avevano detto che le femmine hanno la voce fatata e te quando parli sembri il Gabibbo, cosa significa? Il mondo sembra andare in tilt e di conseguenza anche tu finisci per non riconoscerti più. Ecco che una sottile, spesso irriconoscibile violenza si insinua già tra i banchi di scuola dell’asilo, dove l’accidentale dimenticanza del grembiulino rosa può bastare a mettere in crisi un’intera identità. E quando addirittura tua madre ti suggerisce, alla domanda “Come ti chiami?”, di rispondere Marco perché con quella voce lì, dire Gloria sembra uno scherzo, allora non c’è da stupirsi se la tua compagna di banco delle elementari vuole che tu diventi il suo fidanzatino. E se proprio lo vuole a tutti i costi e non ti è possibile persuaderla del contrario? Siamo di fronte ad un caso di violenza di una donna su un uomo? O su una donna creduta uomo?Ma…esiste?! Manca la categoria! Insomma. Non sarà che tutte queste classificazioni ci fanno dimenticare gli individui che siamo riducendo la visuale sul concetto di identità? Un amico ci ha raccontato un episodio emblematico: “Quando torno a casa la sera, dev’essere la barba, se disgraziatamente una ragazza mi precede nel tragitto, stai sicura che quando mi vede affretta il passo e di lì a poco si mette a correre. E che cavolo…” N.B. Ogni riferimento a fatti, cose o persone non è assolutamente casuale.

Visualizza la scheda completa su SONAR