Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

Oasi

muna mussie

regia Muna Mussie

anno 2018

attori Sherif Mussie, Muna Mussie

scheda artistica
Oasi di Muna Mussie con Sherif Mussie e Muna Mussie una produzione di Città di Ebla e Santarcangelo Festival 2018 con il sostegno di Xing Il mio precedente lavoro Milite Ignoto termina con alcune riflessioni che mia nonna Milite, voce narrante, fa sulla figura del fantasma; a suo parere, con l’avvento e l’espansione delle città, i fantasmi come gli animali non sanno più dove nascondersi. Oasi, la mia nuova ricerca, è suggerita da questo finale; mi domando, cos’è dunque un’oasi: Una fonte d’acqua? Un miraggio nel deserto? Un succo di frutta tropicale? Un Autogrill sull’autostrada? Una riserva per animali? Un riposo agognato? O solo un’immagine esotica e romantica? La mia Oasi si presenta come una bolla, una muta trasparente, un microcosmo chiuso e raccolto ma visivamente esposto all’occhio esterno, dove il susseguirsi del tempo di due persone che la abitano, tenta di evocare altri luoghi, altre oasi (l’antica Tebe? l’attuale Cufra?) Forse i fantasmi e gli animali si nascondono nelle nostre paure e fantasie, nutrimento costante del nostro mercato. Oasi è il luogo per accogliere queste paure o liberarle. Oasi narra della sua stessa caducità, è un inno alla fuga, alla fuga del pensiero prima che anche questo si tramuti in merce.

Visualizza la scheda completa su SONAR