Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

FARFALLE

ANIMALENTA

regia Ilaria Cangialosi

anno 2016

attori Sara Bevilacqua, Arianna Gambaccini, Angela Iurilli, Ilaria Cangialosi

scheda artistica
Farfalle racconta la storia delle sorelle Mirabal: Minerva, Mati, Patria e Dedè. Quattro donne che lottarono contro il severo regime del generale Trujillio nella Repubblica Domenicana (1923/1960) a Ojo de Agua (Santo Domingo) per contrastare una politica xenofoba che aveva come fine lo sbiancamento razziale, furono infatti uccisi più di 30.000 haitiani. (si contano 50.000 vittime) Le sorelle divennero attiviste fondando il movimento 14 giugno, la loro parola d’ordine era Mariposas “Farfalle". Con coraggio lottarono per la libertà di ogni individuo e per l’emancipazione femminile Grazie a loro coraggio e allo loro perseveranza il regime cadde. Le sorelle furono brutalmente ammazzate il 25 novembre del 1960. 17 dicembre 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dichiara, in loro memoria, il 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La scena è vuota. Ad accogliere il pubblico c’è Dedé, ci mostra fotografie antiche, raccontando piccoli aneddoti della sua famiglia. E’ ancora giovane ma già zia di sette nipoti. Li crescerà da sola. Da loro prenderà la forza. Vivere per raccontare. Raccontare per mantenere vivo il filo della memoria. I ricordi sono tutti racchiusi in uno scrittoio. Si siede. Lo apre. Tre figure appaiono come in un sogno. A Chissà cosa sono stata? B Ho le ali spezzate C hai un vestito bellissimo A E voi chi siete? B forse siete stelle… A Si, stelle meravigliose A B C Stelle o farfalle? (….) Non è della morte che vi vogliamo parlare ma della vita, della forza, del coraggio, della determinazione di queste donne che cambiò per sempre le sorti del loro paese. Vogliamo raccontare delle “Farfalle” di come si liberano dal bozzolo, lasciando mille chiazze rosse sulle case abbandonate, lasciando il Segno. Entreremo nella loro casa, mentre studiano, si laureano, si sposano, diventano madri, senza mai smettere di lottare, di fare sogni di Libertà, di Giustizia, di Coraggio. Ci piace pensare che quel giorno, Patria, Minerva e Mati non abbiano mai smesso di volare...

Visualizza la scheda completa su SONAR