Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di Facebook per il diario. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la cookie policy Chiudi

In Ogni Caso Nessun Rimorso

Borgobonó

regia Mauro Pasqualini

anno 2016

attori Elisa Proietti Andrea Sorrentino Mauro Pasqualini

scheda artistica
“In ogni caso nessun rimorso” é un viaggio lucido all' interno dell'animo umano. Un viaggio profondo, che non fa sconti a nessuno. É la storia di un uomo nella sua epoca, un' epoca di ideali e terrorismo, di sfruttamento e lotte di classe). Ma é anche lo specchio di molti uomini e molte epoche. É il nostro specchio. Jules Bonnot é un eroe del suo tempo, un uomo con ideali immensi, capace di amare e soffrire, capace di sacrificarsi e lottare. Ed é un eroe destinato all'infelicità. Quando e quante volte avrebbe potuto cambiare il suo destino? Jules Bonnot non ha rimorsi, nessuno. Tutto quello che ha fatto e in cui ha creduto era profondamente giusto e intimamente onesto. Ha dei rimpianti però. Sono le scelte che non ha fatto, le strade che non ha percorso, i sì che non ha detto. Alcune di queste scelte hanno un nome - Nicolette, Sophie, Justin-Louis, Judith – altre sono universali. TEMATICHE In Ogni Caso Nessun Rimorso parla di una o meglio di molte storie vere e facendolo parla in modo vivo del nostro presente. Parla dell’impegno civile e sociale di persone che decidono di sacrificare la loro vita in nome di un ideale. Parla delle vite, tutt’altro che facili, di persone che scelgono di lottare e pertanto di essere scomode. Parla di persone innamorate della libertà, ma di forme di “libertà” tutte diverse tra loro e spesso inconciliabili. In Ogni Caso Nessun Rimorso parla di vita, della sua complessità e delle scelte che ognuno di noi deve compiere. ESTRATTI DALLA RASSEGNA STAMPA “Immaginate un teatro civile che sparga idee, ma senza volantinaggio; un teatro “impegnato” che non lasci corrucciati, ma appassionati e stupiti; immaginate un teatro che affronti la Storia attraverso sbronze e memorie, scioperi e sparatorie; immaginate infine uno spettacolo che tocchi nel vivo il cuore dei diritti civili senza impugnare codici e statuti, ma offrendo storie e volti di uomini e di donne come noi. In un teatro di questo tipo entra lo spettatore di “In ogni caso nessun rimorso” Stefano Serri “Un intrigante e coinvolgente affondo nella storia e nella vita dell’anarchia, tra amore e passione politica.” Andrea Porcheddu “Un flusso continuo che cattura lo spettatore e lo spinge nella corrente narrativa” Tamara Malleo “Una pièce dal forte impianto cinematografico, giocata su pochi elementi fondanti. Violoncello e voce dal vivo che accompagnano un movimento scenico curato fin nel minimo dettaglio.” Giulio Bellotto

Visualizza la scheda completa su SONAR